27 febbraio 2021
Aggiornato 20:00
Il centro immigrati verrà chiuso

La protesta vince a Tor Sapienza

A Tor Sapienza la situazione sembra essere tornata alla normalità, dopo gli ultimi giorni segnati dai violenti scontri tra gli abitanti del quartiere e gli immigrati ospitati in un centro di accoglienza. Oggi è stato disposto il trasferimento di 45 minori per l'inagibilità dello stabile.

ROMA - E' stato deciso il trasferimento di 45 ragazzi, italiani e stranieri, in maggioranza non accompagnati, in altri centri della città e della provincia. Il centro di accoglienza dei minori di Tor Sapienza, a Roma, è stato danneggiato a tal punto da essere ritenuto inagibile. 

IL CENTRO È INAGIBILE - «Si sta procedendo alle perizie necessarie per rilevare i danni», afferma l'assessorato alle Politiche sociali del Campidoglio, precisando poi che «il trasferimento si completerà nelle prossime ore» e aggiungendo che «nei confronti dei minori Roma Capitale ha degli obblighi di legge nazionali e internazionali di tutela e protezione». Dal Campidoglio, invece, rendono noto che si stanno «seguendo con attenzione fin dal primo momento quanto sta accadendo a Tor Sapienza e siamo in costante contatto con la questura di Roma e tutti i livelli istituzionali», confermando che «la Procura della Repubblica ha avviato un'indagine su quanto accaduto nelle ultime ore» e considerando «necessario e urgente che venga fatta chiarezza sulla reale natura e provenienza degli ingiustificabili attacchi subiti dal centro. Roma è capitale dell'accoglienza e rifiuta ogni forma di violenza, razzismo e xenofobia». Questa stessa mattina ci sono stati scontri tra alcuni cittadini del luogo e immigrati, conclusi per via dell'intervento delle forze dell'ordine.