24 ottobre 2020
Aggiornato 05:00
In cammino verso il circo massimo

Taverna: «Di Maio? Lo stanno mettendo in mezzo»

A poche ore ormai dall'evento al Circo Massimo organizzato da Beppe Grillo, la senatrice Paola Taverna commenta la possibilità che Luigi Di Maio, vicepresidente della Camera, diventi il nuovo leader dei 5 Stelle, ma sottolinea che al Circo Massimo non ci sarà nessuna investitura: «Non stiamo al giochino dei media».

ROMA - In una intervista al Corriere della Sera, Paola Taverna, senatrice del Movimento 5 Stelle, già capogruppo, commenta la possibilità che Luigi Di Maio, attuale vicepresidente della Camera, diventi il futuro leader del movimento: «Luigi è bravo, è il leader del futuro».

RENZI ASFALTA TUTTO E TUTTI - E continua, la senatrice Taverna: «Questo è uno dei momenti più duri, più difficili per noi. Ho l'impressione che le cose che facciamo in Parlamento non riescano a passare fuori. Che la gente non capisca come lavoriamo in Parlamento. Renzi sta asfaltando tutto, non ci lascia spazi, ci sta mettendo nell'angolo. La gente ci dice che non stiamo cambiando le cose: ma noi siamo opposizione, non abbiamo la possibilità di far passare le leggi ora. Non funziona così il Parlamento».

VOGLIONO ISOLARLO «Luigi - sottolinea l'esponente del M5S - ha 28 anni, è il più bravo vicepresidente della Camera che abbiamo mai avuto. Però lo stanno mettendo in mezzo. Additarlo a leader è un modo per farlo fuori, per isolarlo. I media si innamorano di certe definizioni: il leader, la pasionaria. Ma noi dobbiamo proteggerlo: alla manifestazione non ci sarà alcuna investitura. Dobbiamo essere orizzontali. Staremo sulla stessa linea, compatti: io, Luigi e Alessandro Di Battista. Luigi è davvero bravo e se lo meriterebbe tutto il ruolo di leader. Anzi io credo che in prospettiva, in futuro, di sicuro avrà un ruolo da leader, da protagonista. Ma in questo momento dobbiamo respingere il giochino dei media. Dobbiamo pensare a dare il massimo e a farci capire dalla gente».

PIZZAROTTI IL PROVOCATORE - Per quanto concerne le polemiche del sindaco di Parma, Federico Pizzarotti, la senatrice 5 Stelle dice: «Io non so cosa voglia Pizzarotti, non lo capisco. È un bravo amministratore, ma continua a fare uscite polemiche gratuite. Da parte nostra non c'è alcun accanimento. Certo, c'è stato uno scontro sulla questione dell'inceneritore, ma poi basta. È lui a provocare. E sinceramente non capisco che ruolo voglia interpretare. Per me resta un bravo amministratore e basta».