6 dicembre 2019
Aggiornato 02:00

Farage: «Grillo non è razzista»

«Domani incontro gli uomini del M5S. Sono fiducioso che troveremo un accordo. Non sono sicuro, lo spero fortemente. Ci stiamo lavorando». Lo ha riferito Nigel Paul Farage, il leader dell'Ukip britannico. Bersani: «Sono preoccupato che M5S prenda una brutta piega».

ROMA - «Domani incontro gli uomini del M5S. Sono fiducioso che troveremo un accordo. Non sono sicuro, lo spero fortemente. Ci stiamo lavorando». Lo ha riferito Nigel Paul Farage, il leader dell'Ukip britannico, affermando, fra l'altro, che «Grillo non è razzista, vuole esattamente come noi un controllo dell'immigrazione» e c'è una grossa differenza tra quando uno parla di controllo degli immigrati che entrano nel proprio paese e quando uno è contro le persone». Inoltre «essere contro questa Unione europea vuol dire essere a favore della democrazia».
Farage, parlando con Affaritaliani.it, ha ribadito di non aver cercato un'alleanza al Parlamento Ue con la Lega Nord e con Marine Le Pen, perchè a differenza di M5S e Grillo, «quello che hanno detto alcune persone che appartengono ai loro partiti è del tutto inaccettabile». Quanto all'uscita della Gran Bretagna dalla Ue «noi vogliano una partnership completamente nuova e basata su un accordo di tipo commerciale».

BERSANI: SONO PREOCCUPATO - «Sono sempre stato preoccupato che il Movimento Cinque Stelle, che ha dentro delle istanze di cambiamento di cui bisogna tenere conto, possa prendere una brutta piega». Lo ha affermato l'ex segretario del Pd, Pier Luigi Bersani, parlando con i giornalisti a margine di un'iniziativa pubblica a Genova in ricordo Enrico Berlinguer.
«Credo che sia necessario - ha sottolineato l'ex leader del Pd - incalzare il Movimento Cinque Stelle perché, anche nella dimensione europea, non prenda in considerazione accordi con delle forze xenofobe o di destra».
«Semmai - ha aggiunto - si rivolga e si metta a discutere con formazioni che hanno radici democratiche serie: ci sono anche i Verdi in Europa se proprio i socialisti gli fanno schifo. Questa - ha concluso Bersani - è una cosa che anche al Pd dovrebbe interessare».