31 maggio 2020
Aggiornato 02:00
Popolo della Libertà

«Ora non è un partito azienda di 'yes man', ma abbiamo collaboratori con delle teste»

Il Cavaliere: «Il Pdl è unito, c'è solo qualche contrasto interno. Ci accusavano di essere un partito di plastica e che comandava solo Berlusconi. Ora invece ci sono delle personalità». Sulla Giunta: «Domani non sarò lì, decidono su una sentenza politica indegna architettata a tavolino per eliminare il leader del centrodestra»

ROMA - Il giorno prima del voto in Giunta per le elezioni al Senato sulla decadenza o meno da sentore di Silvio Berlusconi, il Cavaliere ha annullato l'assemblea dei gruppi parlamentari del Popolo della libertà (Pdl) spiegando: «La tragedia di Lampedusa è troppo grande per poterci dedicare oggi alle vicende interne al nostro gruppo parlamentare e al nostro partito. Siamo addolorati per quanto sta succedendo e seguiamo con apprensione le vicende in corso. Sul piano personale l'immane tragedia di Lampedusa affligge la nostra coscienza cristiana, mentre sul piano politico chiama in causa l'ignavia di un'Europa assente e perfino indifferente di fronte a un dramma che l'Italia è lasciata sola ad affrontare».

SENTENZA MEDIASET E' POLITICA E INDEGNA - In serata ha poi rilasciato alcune dichiarazioni: «Domani non sarò in Giunta», ha detto l'ex premier perché quella sul caso Mediaset (dove è stato condannato per evasione, ndr) «è una sentenza politica». Il Cavaliere ha aggiunto: «Sono convinto che otterrò la revisione del processo da parte della Corte europea e l'annullamento della sentenza. Una sentenza politica indegna architettata a tavolino per eliminare il leader del centrodestra».

NON VADO IN GIUNTA - «Domani - ha spiegato Berlusconi - non vado in Giunta perché abbiamo presentato una memoria in cui si evidenzia che questi giudici sono irresponsabili con un obiettivo personale messi in una cosa pubblica», cioè la Giunta » che ha funzioni giurisdizionali». Berlusconi non ha perso la voglia di scherzare, e a chi gli ha chiesto se la giornata di domani rappresenterà la fine del suo ventennio (citando il segretario del Partito democratico Guglielmo Epifani, ndr) ha risposto: «Magari, così mi riposo».

PDL UNITO, QUALCHE CONTRASTO - Quanto alla possibile frattura interna al Pdl, dopo l'annuncio della creazione di 2 gruppi parlamentari autonomi alla Camera e al Sento, il leader del Pdl ha detto: «Il Pdl è un partito unito, c'è solo qualche contrasto interno. Una volta ci accusavano di essere un partito di plastica e che comandava solo Berlusconi. Ora invece ci sono delle personalità: non è un partito azienda dove i collaboratori dicono sempre di sì al capo, ma sono collaboratori con delle teste. Abbiamo votato la fiducia (al governo Letta, ndr) perché abbiamo avuto assicurazioni sulle cose da fare da Letta ai nostri ministri e nel suo discorso».

CON ALFANO NESSUN DISSENSO - Berlusconi ha poi negato che ci siano dissensi tra lui e il segretario Angelino Alfano e, parlando con i giornalisti all'uscita del Senato, ha detto: «Ora vedo tutto questo dissenso sui giornali ma io stamattina sono stato due ore con Alfano, non ci sono le cose che vedo sui giornali e sulle agenzie».

I 100 LEALISTI - Poco dopo le dichiarazioni del Cavaliere è stata diffusa una nota dei «lealisti di Berlusconi», che hanno spiegato di aver raccolto 100 firme fra deputati e senatori a sostegno del presidente del Pdl. Fra loro: Carfagna, Gelmini, Verdini, Bondi, Capezzone, Santanché, Minzolini, Saverio, Romano, Galati, Rotondi, Malan, Polverini, Casellati, Biancofiore, Bergamini, Brunetta, Fitto.

CICCHITTO, ALTRO CHE TREGUA - Il promotore della lista «dissidenti» alla Camera, Fabrizio Cicchitto, che in precedenza aveva rilasciato dichiarazioni prudenti, ha attaccato: «Oggi doveva essere una giornata di tregua e di riflessione nel Pdl. Ci troviamo di fronte invece ad un ulteriore atto di aggressività e di conflittualità».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal