23 ottobre 2019
Aggiornato 13:00
Giustizia | Ineleggibilità Berlusconi

Lo staff del Senatore Crimi: «post precedente camera consiglio Giunta»

Crimi è stato accusato di aver violato le regole del Senato, avendo comunicato con l'esterno durante la camera di consiglio, ma ha provocato una reazione durissima dal Pdl

ROMA - Il collaboratore parlamentare di Vito Crimi, senatore M5S nell'occhio del ciclone per un post su Facebook in tema di «prolasso prostatico» e «peti» pubblicato durante la riunione della Giunta sulla decadenza di Silvio Berlusconi da parlamentare, ha provato a scagionare l'esponente «grillino» con un nuovo post.
Crimi è stato accusato di aver violato le regole del Senato, avendo comunicato con l'esterno durante la camera di consiglio, ma ha provocato una reazione durissima dal Pdl (che ha chiesto l'interruzione dei lavori della Giunta) anche per il contenuto del suo messaggio. Adriano Nitto, questo è il nome del collaboratore, precisa che «il post relativo a Berlusconi è stato inserito alle ore 10.04, prima dell'inizio dei lavori in Camera di Consiglio» mentre «i post successivi, già programmati (relativi a Lampedusa ed al resoconto '5 giorni a 5 stelle') sono stati inseriti dal sottoscritto».