31 ottobre 2020
Aggiornato 07:30
Comunali Roma 2013

Alemanno: «Ora ci rivolgeremo a tutti»

«Sono convinto che al ballottaggio voterą un elettorato completamente diverso, perchč non ci saranno liste, preferenze nč un voto di apparato, sia perchč c'č un dato motivazionale che va indagato, dallo scarso appeal della politica in questo momento al derby che č stato un momento di distrazione e blocco di parte della cittą»

ROMA - «Sono convinto che al ballottaggio voterą un elettorato completamente diverso, perchč non ci saranno liste, preferenze nč un voto di apparato, sia perchč c'č un dato motivazionale che va indagato, dallo scarso appeal della politica in questo momento al derby che č stato un momento di distrazione e blocco di parte della cittą». Lo ha detto il sindaco di Roma Gianni Alemanno commentando in una conferenza stampa il momentaneo esito delle elezioni per il Campidoglio.

SI RICOMINCIA DA ZERO - «La sinistra come al solito canta vittoria - ha proseguito Alemanno - ma il ballottaggio č un'altra partita e si ricomincia da zero. Se le proiezioni saranno confermate e il distacco sarą del 10%, con l'attuale affluenza questo vale 124mila voti. Cinque anni fa la differenza di vantaggio di Rutelli era di 84mila voti. Quindi la prima valutazione che dobbiamo fare č perchč solo un romano su due č andato a votare».
«Č chiaro che ora noi ci rivolgeremo a tutti gli elettori, anche a quelli di Marchini e di De Vito, in materia tale che ci sia una chiarificazione sulle reali motivazioni. Il tema č se la politica riesce a risolvere il problema delle persone. Faremo dei ragionamenti rivolti a tutti, a chi si sente abbandonato dalla politica. Ringrazio chi č andato a votare, ha dato un bel segnale e ora bisogna che contagi l'altro romano che non č andato a votare», ha concluso.