31 gennaio 2023
Aggiornato 18:01
Centrosinistra | Elezioni Politiche 2013

Vendola a Bersani: Non vinciamo per inerzia

Nichi Vendola annuncia che ci sarà a breve iniziative elettorali insieme a Bersani con il quale, nel corso del faccia a faccia di venerdì scorso ha parlato della necessità di lanciare un messaggio più determinato

ROMA - Nichi Vendola annuncia che ci sarà a breve iniziative elettorali insieme a Bersani con il quale, nel corso del faccia a faccia di venerdì scorso ha parlato della necessità di lanciare un messaggio più determinato: «Ho detto a Bersani che non si vince con la forza di inerzia, non scivoleremo verso la vittoria perciò a seppellire la destra con semplicità», ha detto il leader di Sel durante la conferenza stampa per presentare i candidati nel Lazio.
«Non solo Berlusconi è abile come l'Araba fenice, ma il berlusconismo non è stata una semplice infatuazione ma una vera e propria egemonia culturale durata un ventennio - ha spiegato Vendola - perciò noi dobbiamo innanzitutto presentare il bilancio fallimentare di questo ventennio e poi dobbiamo dire all'Italia che c'è un nuovo centrosinistra».
Vendola lamenta di essere «l'oggetto prelibato» di un «politicismo» che lo descrive «un giorno con Casini, il giorno dopo contro Casini, un giorno aperto a Monti, il giorno dopo contrario a Monti. Ma il nostro obiettivo è portare la sinistra al governo - ha assicurato - e che il centrosinistra abbia un ancoraggio solido a sinistra dipenderà dalla forza di Sel».

Scandalo studenti Erasmus, Cdm domani agisca - Quello del voto degli studenti Erasmum è uno «scandalo europeo» sul quale il consiglio dei ministri di domani deve intervenire. Lo ha detto Nichi Vendola presentando le candidature di Sel nel Lazio. «Piuttosto che fare penosi esercizi di retorica pubblica sui giovani cervelli che vanno all'estero», ha detto il leader di Sel «serve una scelta perchè è una violazione dei diritti quella di non poter votare, perciò penso che domani al Cdm Monti e la Cancellieri debbano consentire na minima copertura finanziaria per questi studenti perchè l'eventualità che non votino è uno scandalo europeo».
Secondo Vendola «ci vuole la volontà politica e i ministri che sono ancora in carica non sono dei commentatori - ha incalzato - perciò non devono dolersi ma darsi da fare».

Da Sel profumo di sinistra, dal Pdl quello di camorra - «Mentre Sel si sforza di far sentire profumo di sinistra, lo sforzo della destra berlusconiana è far sentire l'antico profumo di camorra». Così Nichi Vendola, durante una conferenza stampa per la presentazione dei candidati di Sel nel Lazio, è tornato sul caso degli «impresentabili» del Pdl.
Secondo il leader di Sel le dichiarazioni di oggi di Cosentino mostrano «una potenza ricattatoria verso il suo partito che è emblematica della situazione in cui si trova la destra», inoltre, «il tentativo di pulizia delle liste è stato argomentato non dalla necessità di sgombrare il campo dagli impresentabili, ma nel nome del danno elettorale che provocherebbero». Secondo Vendola invece bisognerebbe evitare di candidarli «anche quando portano doni elettorali perché quello è un reato che si chiama voto di scambio».