22 febbraio 2020
Aggiornato 18:00
Elezioni | Regionali Lombardia

Pizzul rinuncia alle primarie dopo l'incontro con Ambrosoli

Il consigliere regionale del PD: «Raccolte comunque le firme necessarie per presentare la candidatura»

MILANO - «Prima notizia: ho raggiunto le firme necessarie per presentare la mia candidatura alle primarie del centro sinistra in Lombardia. Seconda notizia: non ho intenzione di presentarle al comitato promotore». Lo ha scritto sul suo blog Fabio Pizzul, consigliere regionale del Pd in Lombardia, dopo un incontro oggi pomeriggio con Umberto Ambrosoli. Pizzul considera dunque la sua candidatura «superata» e si mette «a disposizione della necessaria e possibile sintesi che emergerà dal confronto e dalla partecipazione».

«Ci siamo scambiati alcune impressioni - prosegue Pizzul - e riflessioni sulle primarie e sulle elezioni lombarde. Dall'incontro mi pare siano emerse parecchie consonanze sulla lettura dell'attuale situazione lombarda e sui possibili scenari per un progetto alternativo alla stagione formigoniana. Particolarmente promettenti mi sono sembrate alcune riflessioni sulla necessità di promuovere una vera innovazione economica e sociale, all'insegna di una valorizzazione dei diversi territori e delle tante risorse di cui ancora la Lombardia è capace, a partire da un'attenzione al lavoro e alla famiglia».

Quanto alle altre candidature esistenti, «e mi auguro che Alessandra Kustermann, Roberto Biscardini e Andrea Di Stefano confermino la loro partecipazione», Pizzul pensa che «possano esserci le condizioni per scegliere il miglior candidato del centro sinistra alle prossime elezioni regionali. Auspico anche che a tutti sia data la possibilità di continuare e concludere la raccolta delle firme necessarie» conclude il consigliere regionale.