20 novembre 2019
Aggiornato 21:00

Benigni: Di Pietro vincerà le primarie... poi farà le secondarie

«Il prossimo anno la Festa democratica con Casini e Vendola si chiamerà Festa problematica». Così il comico Roberto Benigni ha introdotto il suo spettacolo alla festa nazionale del Pd a Reggio Emilia

REGGIO EMILIA - «Il prossimo anno la Festa democratica con Casini e Vendola si chiamerà Festa problematica». Così il comico Roberto Benigni ha introdotto il suo spettacolo alla festa nazionale del Pd a Reggio Emilia. Tra gli spettatori ci sono anche il ministro dell'Istruzione Francesco Profumo e il segretario del partito Pier Luigi Bersani. Ed è proprio al segretario, emiliano d'origine, che il comico si è rivolto per qualche minuto, tornando sulla polemica con il leader del Movimento 5 Stelle Beppe Grillo.
«Quando Grillo gli ha dato del 'cadavere' - ha scherzato Benigni - Bersani si è innervosito ed è andato a sbattere con il carro funebre».
«Dai Bersani - ha aggiunto - dopo ci facciamo una partita a 'Tresette-col-morto. Piduista? No, ma ne parliamo domani qui al convegno con Licio Gelli».

Battute anche per le future alleanze nel centrosinistra. «Tutti vogliono candidarsi alle primarie: l'anno scorso in tre milioni hanno votato, quest'anno ci saranno tre milioni di candidati. Anche Di Pietro ha detto che si candiderà alle primarie, dopo averle vinte farà le superiori».