18 gennaio 2020
Aggiornato 09:30
La Forestale ha denunciato tre presunti piromani

Incendi, Campania e Lazio le regioni più colpite

Sono stati 108 gli incendi boschivi divampati ieri in tutta Italia a impegnare i mezzi e il personale del Corpo forestale dello Stato. La Campania e il Lazio sono state le regioni più colpite dalla fiamme rispettivamente con 23 e 15 incendi boschivi. Seguono la Toscana e la Calabria con 12, la Basilicata e la Sicilia rispettivamente con 10 e 8 roghi

ROMA - Sono stati 108 gli incendi boschivi divampati ieri in tutta Italia a impegnare i mezzi e il personale del Corpo forestale dello Stato. La Campania e il Lazio sono state le regioni più colpite dalla fiamme rispettivamente con 23 e 15 incendi boschivi. Seguono la Toscana e la Calabria con 12, la Basilicata e la Sicilia rispettivamente con 10 e 8 roghi. Le province più colpite dalle fiamme sono Salerno con 13 roghi, Roma con 8, Potenza e Matera con 5, mentre 4 roghi sono divampati a Cosenza e Lucca. Oltre agli interventi nell'ambito della flotta aerea di Stato, il Corpo forestale dello Stato è intervenuto con propri elicotteri su 9 incendi.

Nel Lazio due persone sono state denunciate per incendio colposo dal personale del Comando Stazione Forestale di Tolfa per un rogo che ha colpito i comuni di Tolfa (RM) e Blera (VT) e ha mandato in fumo oltre 20 ettari di vegetazione. In provincia di Imperia è stato denunciato il presunto responsabile di un incendio colposo che ha distrutto 5.600 metri quadrati di pineta nel comune di Seborga.
Nel comune di Riofreddo (RM), un elicottero Erickson S64F è intervenuto su un incendio di vaste proporzioni, ancora in corso, che ha mandato in fumo 200 ettari di arbusti e bassa macchia mediterranea in una zona di alto valore ambientale.
Sono pervenute al Numero di Emergenza ambientale 1515 un totale di 416 segnalazioni di incendi. Nell'arco della giornata il Corpo forestale dello Stato è stato impegnato con 400 pattuglie operative antincendio ed ha effettuato 31 controlli sul territorio.

Oggi 21 richieste di intervento aereo, 6 i roghi spenti - Altra giornata impegnativa per gli equipaggi dei canadair e degli elicotteri della flotta aerea dello Stato, impiegati nelle operazioni di spegnimento di 21 incendi boschivi che hanno visto l'intervento dei mezzi aerei in supporto delle operazioni svolte alle squadre a terra in 8 diverse regioni.
Il Lazio è la regione che ha inviato il maggior numero di richieste al Centro operativo aereo unificato (COAU) del Dipartimento della Protezione civile: 5 schede di concorso aereo. A seguire, 4 richieste ciascuna da Calabria e Sardegna, 3 dalla Sicilia, 2 dall'Umbria, 1 da Campania, Abruzzo e Basilicata.
Il lavoro svolto dai piloti dei mezzi aerei fin dalle prime luci dell'alba ha permesso di mettere sotto controllo o spegnere (alle ore 18) 6 roghi. Al momento stanno operando quattordici Canadair, sette fire-boss, tre elicotteri S64 e un CH47: il lancio di acqua e liquido ritardante ed estinguente proseguirà finché le condizioni di luce consentiranno di effettuare le operazioni in sicurezza.
La Protezione civile ricorda che la maggior parte degli incendi boschivi è causata da mano umana, a causa di comportamenti superficiali o, spesso purtroppo, dolosi e che la collaborazione dei cittadini può essere decisiva nel segnalare tempestivamente ai numeri di telefono d'emergenza 1515 o 115 anche le prime avvisaglie di un possibile incendio boschivo.