16 ottobre 2019
Aggiornato 06:30
«Fumata grigia» per il cda Rai

Rai, salta il primo voto per il cda in Vigilanza

Qualcuno scrive Verri anziché Verro, tutto da rifare. In realtà, l'errore è stato rilevato soltanto al termine della votazione, ma è bastato al Pdl per chiedere l'annullamento della votazione e la sua ripetizione

ROMA - Se esistesse, sarebbe 'fumata grigia' per il cda Rai, nel senso che la commissione di Vigilanza ha votato i sette membri del consiglio di amministrazione di viale Mazzini ma, a causa di un errore su una scheda, la votazione è tutta da rifare. Il nome 'della discordia' è quello di Antonio Verro, che però, sulla scheda, qualcuno ha chiamato 'Verri'. In realtà, l'errore è stato rilevato soltanto al termine della votazione, ma è bastato al Pdl per chiedere l'annullamento della votazione e la sua ripetizione.

Il racconto della Perina e della Melandri - Il racconto di quanto è accaduto è affidato alle parole di Flavia Perina (Fli) e Giovanna Melandri (Pd). «Abbiamo votato - hanno raccontato - ed è stato tutto regolare. I nomi che erano passati facevano registrare una grande e importante convergenza trasversale su Flavia Piccoli Nardelli, un elemento molto importante di novità, ma il capogruppo del Pdl pretendeva, per l'errore sul nome di Verro, di rimandare il tutto sine die. Solo grazie alla nostra opposizione siamo riusciti ad avere un nuovo voto subito».
Se la prima votazione di questa sera fosse stata valida gli eletti sarebbero stati: Antonio Verro (Pdl), Luisa Todini (Pdl-Lega), Guglielmo Rositani (Pdl), Gherardo Colombo (Pd), Benedetta Tobagi (Pd), Rodolfo De Laurentiis (Udc), Flavia Piccoli Nardelli (Trasversali), tutti a quota cinque voti. Dei nomi della vigilia, quindi, sarebbe rimasto escluso Antonio Pilati, fermo a quota quattro voti.

Di Pietro: Per il cda l'Idv vota una donna scelta tra curricula - Per il cda della Rai, in commissione di Vigilanza, Italia dei valori voterà «per una delle donne che ha inviato il suo curriculum che possa dare prestigio culturale e competenza». Lo ha fatto sapere Antonio Di Pietro a poche ore dalla riunione dell'organismo bicamerale, dopo un incontro con i capigruppo di Camera e Senato dell'IdV, Massimo Donadi e Felice Belisario, i membri della commissione di Vigilanza Rai, Pancho Pardi e Nello Formisano, il responsabile Rai del partito, Antonello Falomi, e la dirigente Idv Luisa Rizzitelli.