13 luglio 2020
Aggiornato 23:00
Giustizia | Il caso Lavitola

Il Senato salva De Gregorio

Sergio De Gregorio, libero perchè 169 colleghi hanno detto che nell'inchiesta a suo carico c'è stato «fumus persecutonis». Ma si sussurra uno scambio con Lusi. Pdl e Pd negano e si accusano. L'ex Tesoriere della Margherita: voto di coscienza, no ad accordi

ROMA - Chi ha salvato de Gregorio? 169 senatori in tutto, di partiti diversi e con la stessa coscienza, che nel segreto dell'urna oggi in Aula hanno davvero 'salvato' il soldato pidiellino Sergio De Gregorio dagli arresti domiciliari richiesti dai magistrati di Napoli che indagano sugli scandali dell'Avanti! e di Walter Lavitola, faccendiere e «compare di cresima», oltre che socio, del fondatore del Movimento Italiani nel Mondo. Sergio De Gregorio, un senatore «libero» ma che, nonostante questo, dice di «non aver niente da festeggiare», un «professionista» che si definisce «apprezzato in molte parti del globo», luoghi in cui «non importa nulla di questi scandali giudiziari», un uomo «guardingo fino al processo» che lascerà la politica alla termine della legislatura «per l'esigenza di rinnovamento avanzata dal Pdl», di cui si dice cofondatore.

Si teme l'«inciucio» - Sergio De Gregorio, libero perchè 169 colleghi hanno detto che nell'inchiesta a suo carico c'è stato fumus persecutonis. In 109 hanno detto che non è vero, ma non sono bastati. In 16 hanno preferito astenersi. Numeri strani, che ricalcano, ma non alla perfezione, vecchi schemi di maggioranza al Senato. Numeri che sembrano smentire il vicecapogruppo del Pd Luigi Zanda e molti dei suoi, che nel pomeriggio si sono affannati a spiegare che il voto segreto ha concesso alla Lega l'opportunità di rinsaldare l'asse con il Pdl e tornare alla vecchia alleanza, mai rinnegata. Ma alla Camera Alta da oggi pomeriggio rimbomba la parola che ormai ogni politico teme, 'inciucio'.

«Roba da casta» o addirittura 'scandalo' sono invece i sostantivi che si potrebbero usare (e che verranno usati sicuramente almeno da Beppe Grillo) in una piazza. In Parlamento, nei capannelli di funzionari e senatori, si preferisce sostituirli con «patto», «accordo», «voto di coscienza». Prima di tutto, però, occorre fare due conti: i senatori del Pdl sono in tutto 127, 22 i leghisti e 13 quelli di Coesione Nazionale; totale 162 e ci siamo, ad arrivare a 169 il passo è breve. Eppure, i leghisti dicono compatti e 'ufficiosamente' di non aver detto 'no' all'arresto, come del resto apertamente affermato nelle dichiarazioni di voto.

Lusi: Mai il risultato numerico coincide con le dichiarazioni di voto - Proprio in quella fase del dibattito, però, potrebbe essersi consumato lo strappo tra gli intenti politici dichiarati dai gruppi e la coscienza collettiva dei componenti del Senato. Pubblicamente, infatti, solo il Pdl ha annunciato che avrebbe votato contro l'arresto, tutti gli altri erano schierati con il Sì. Ma in Aula, come ha detto l'ex tesoriere della Margherita Luigi Lusi, che dal balletto del 'sì o no' alle manette ci sta passando in prima persona, «mai il risultato numerico coincide con le dichiarazioni di voto. Sulle richieste d'arresto, specie su una connessa a fatti di 6 anni, bisogna riflettere bene. E' un voto di coscienza, ed è giusto che sia così». Però «non c'è nessun accordo politico tra la mia vicenda e quella di De Gregorio».

De Gregorio: Non voterò mai per l'arresto di un Senatore - Stesso identico pensiero da parte di De Gregorio, che ha sostenuto di non conoscere Lusi ma che al contempo ha promesso che voterà 'no' alla richiesta d'arresto del collega. Non per scambio di favori (oggi Lusi era presente alle votazioni), ma perchè lui, Sergio De Gregorio, non voterebbe mai per l'arresto di un senatore, a prescindere. «Per carità» però, nessuno gli vada a parlare di 'scambi' di favori o baratti tra partiti: «quando mi sono arrivate queste voci - badava a dire dopo il voto De Gregorio - l'unica cosa che ho annunciata è stata: 'se la mia libertà deve essere un baratto, allora carcerate anche me'. Io - ha scandito il Senatore - non voterò mai a favore dell'arresto di un senatore».

Però, due calcoli di convenienza ci saranno pur stati? Nessuno, a palazzo Madama, ha risposto sì o no, tutti hanno preferito rifugiarsi dietro alla segretezza del voto, alla «questione di coscienza». Eppure, il Pd ha negato ogni responsabilità nel 'salvataggio'. Anna Finocchiaro, capogruppo, ha detto: «chi ha votato contro l'arresto del senatore De Gregorio coprendosi con il voto segreto ha assunto su di sé la responsabilità di contribuire a screditare e umiliare il Parlamento e la politica».

Immediata e «numerica» la risposta del Pdl: «la matematica non è un'opinione. I senatori del Pdl presenti in Aula al momento del voto su De Gregorio - hanno fatto sapere da via dell'Umiltà - erano 124, i colleghi di Coesione Nazionale 10. Se ne ricava che la senatrice Finocchiaro ha insultato 51 colleghi, molti dei quali appartengono con sofferenza al suo gruppo». Per l'Idv è semplicemente uno scandalo. L'UdC ha taciuto. E tutto è rinviato al 12 giugno, quando la Giunta si pronuncerà su Luigi Lusi. Poi ci sarà l'Aula e, come si dice ormai alle Camere, finchè c'è un voto, c'è speranza.