26 ottobre 2020
Aggiornato 02:00
Centrosinistra | Primarie 2012

Palermo, la Procura apre un fascicolo su irregolarità primarie

Dopo il responso delle urne, domenica sera, che ha attribuito la vittoria a Fabrizio Ferrandelli i Magistrati cercano di capire se le irregolarità sono configurabili come reato

PALERMO - La Procura di Palermo ha aperto un fascicolo su presunte irregolarità commesse nel gazebo del quartiere Zen, dove domenica si votavano le primarie del centro sinistra per la scelta del candidato sindaco.
Secondo quanto confermato dalla Procura del capoluogo siciliano gli accertamenti sono nati sia da esposto, sia dall'attività della procura generale. I magistrati dovranno capire ora se le irregolarità siano configurabili come reato, dal momento che le primarie non sono vere e elezioni ufficiali, ma consultazioni interne al partito.
Dopo il responso delle urne, domenica sera, che ha attribuito la vittoria a Fabrizio Ferrandelli, il comitato organizzativo sospettando brogli in alcuni seggi, ha disposto la riconta dei voti, che anche in questo caso hanno confermato la vittoria del trentenne ex Italia dei Valori, con un margine di 151 voti sul candidato «ufficiale» del Pd Rita Borsellino.