19 novembre 2019
Aggiornato 18:00
La protesta dei forconi

Forconi: Cancellieri, stiamo molto attenti

Al Viminale le proteste degli autotrasportatori partite dalla Sicilia sono seguite con «molta attenzione», perché potrebbero esserci «aggregazioni di varie forme di dissenso» e i «malesseri» potrebbero dar luogo a «strumentalizzazioni» e sfociare in «manifestazioni eclatanti»

ROMA - Al Viminale le proteste degli autotrasportatori partite dalla Sicilia sono seguite con «molta attenzione», perché potrebbero esserci «aggregazioni di varie forme di dissenso» e i «malesseri» potrebbero dar luogo a «strumentalizzazioni» e sfociare in «manifestazioni eclatanti». Lo ha spiegato il ministro Annamaria Cancellieri, che domani riferirà in Senato sulle proteste, in un'intervista alla trasmissione di Radio Uno «Prima di Tutto».

«Era prevedibile che ci sarebbero state delle manifestazioni - ha detto il ministro - certo questa è stata molto forte, ha provocato molti danni». Il ministero segue «con molta attenzione» le proteste partite dalla Sicilia «perché nulla esclude che questi malesseri possano sfociare in manifestazioni di tipo diverso». Si teme che possano esserci «aggregazioni di varie forme di dissenso anche di altre categorie e potrebbero saldarsi scontentezze varie».

Per questo - ha sottolineato il ministro - «noi siamo molto attenti a seguire questi fenomeni e per quanto riguarda i fatti siciliani in specifico siamo stati veramente presenti con sale di crisi aperte 24 ore su 24 proprio per seguire l'ordine pubblico nazionale e soprattutto per monitorare in ogni suo momento il fenomeno». Riguardo ad un possibile ritorno del terrorismo il ministro ha precisato: «Non ne abbiamo segnali specifici nel nostro Paese però siamo molto, molto, attenti. C'è la massima attenzione: nulla esclude che questi malesseri possano poi sfociare in manifestazioni diverse».

Anche in riferimento alle azioni che si ripetono contro le agenzie delle entrate e alle possibili esasperazioni dello scontento, Cancellieri spiega che «potrebbero esserci tentativi di strumentalizzazioni della protesta, soprattutto quando la protesta è spontanea e non organizzata può avere delle manifestazioni anche particolarmente e eclatanti. E - ha ribadito - siamo veramente molto, molto, attenti».