19 novembre 2019
Aggiornato 05:30
Scioero tir

Forconi, finisce a mezzanotte lo sciopero degli autotrasportatori

Ma la protesta dei movimenti prosegue ad oltranza. Il presidente Lombardo si è detto pronto a venire incontro ai manifestanti e a intervenire sui temi che competono l'amministrazione regionale

PALERMO - Terminerà a mezzanotte di oggi lo sciopero degli autotrasportatori siciliani che da lunedì sta paralizzando i collegamenti dell'isola, creando numerosi disagi ai cittadini. L'Aitras, l'Assotrasport, l'Assiotrat e i consorzi di Trapani, Palermo e Catania riporteranno i mezzi nei propri piazzali, lasciando i presidi e i punti di sensibilizzazione, in quanto i cinque giorni consentiti consentiti dalla legge che regolamenta gli scioperi degli autotrasportatori scadono. Proseguirà invece ad oltranza la protesta dei lavoratori aderenti ai movimenti «Forza d'urto» e «Movimento dei forconi», che ieri hanno incontrato il presidente della Regione Siciliana, Raffaele Lombardo, a Palazzo d'Orleans.

Il governatore siciliano si è detto pronto a venire incontro ai manifestanti e a intervenire sui temi che competono l'amministrazione regionale; e di farsi portavoce con il governo Monti delle richieste dei lavoratori per quanto attiene le sfere di competenza nazionale.
Oggi, intanto, al coro di protesta dei lavoratori si unirà quello degli studenti.