30 marzo 2020
Aggiornato 18:00
Riforma della legge elettorale

Briguglio (Fli): Liberalizzare la scelta dei Parlamentari

Il vicepresidente dei Deputati di FLI: Le riforme danno una mission positiva alle forze politiche. Di Pietro: Stavolta il Parlamento dovrà cambiarla

ROMA - «La liberalizzazione delle istituzioni e della scelta dei parlamentari con una nuova legge elettorale, accompagnate da un minimum di riforme istituzionali è importante quanto le liberalizzazioni in materia di economia e sviluppo su cui incide direttamente». E' quanto ha dichiarato in una nota Carmelo Briguglio, vice presidente vicario dei deputati di Fli.
«Le riforme politiche, di cui si deve fare carico il Parlamento con la collaborazione del governo - ha aggiunto - danno una mission positiva alle forze politiche, sanciscono il rispetto dei cittadini firmatari del referendum e modernizzano procedure, tempi, qualità della rappresentanza, immagine internazionale e capacità di incidere in modo efficace sulla crisi e sui rapporti con i partner europei. Il Capo dello Stato fa bene a esercitare un ruolo attivo nei confronti dei partiti e Fli farà la sua parte d'intesa con gli alleati del Terzo Polo».

Di Pietro: Stavolta il Parlamento dovrà cambiarla - «Difficilmente stavolta il Parlamento potrà tirare a campare, una riforma della legge elettorale dovrà farla anche se io temo che al posto del porcellum si farà un procellinum». Lo ha detto Antonio Di Pietro durante una conferenza stampa a Montecitorio.
Oggi la delegazione di Idv è stata ricevuta al Quirinale proprio per discutere di riforme istituzionali: «Vorremmo sapere se le forze politiche intendono davvero fare le riforme e insieme a queste anche la nuova legge elettorale. Quello che abbiamo capito da questo incontro - ha spiegato Di Pietro - è che il leit motiv da Napolitano è stato 'facciamo tutto insieme per non cambiare nulla', ossia la legge elettorale nell'ambito di riforme costituzionali».
Di Pietro ha infine assicurato che non c'era nessuna ragione personale nella sua assenza dalla delegazione Idv che è salita questa mattina al Colle: «Ci mancherebbe» ha risposto ai cronisti, «anzi voglio ribadire che Napolitano sta facendo una cosa buona e giusta incontrando i partiti per sollecitarli sulla legge elettorale e poi - ha concluso scherzando - Idv è come marito e moglie, non importa chi va a fare la spesa, l'importante è che il frigo sia pieno».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal