21 aprile 2024
Aggiornato 22:30
Una sfida tutta politica

Riforme, il Terzo Polo sfida Pd-Pdl: Ora la Costituente

Cento «padri» per un anno al lavoro sulle riforme istituzionali. Bozza da approvare entro la fine del 2013

ROMA - Un'assemblea costituente di cento parlamentari di tutti gli schieramenti, pronta a redigere una proposta per riformare la Carta e consentire al Parlamento di riacquisire centralità nell'era del governo dei tecnici. E' l'idea alla quale sta lavorando il Terzo Polo da giorni e della quale si è discusso oggi - secondo quanto si apprende - nel corso di una riunione dei terzopolisti che si è tenuta alla Camera.

Una sfida tutta politica - La proposta potrebbe essere presto resa pubblica e formalizzata. Si tratterebbe di una sfida tutta politica che il Terzo Polo è pronto a lanciare alle altre forze politiche. Perchè se molti lamentano le difficoltà della politica, l'incapacità di riformarsi e il cono d'ombra che oscura le Camere dopo la nascita dell'esecutivo Monti, la via d'uscita potrebbe essere proprio il varo di un'assemblea costituente.
Ecco allora l'idea dei centristi, dei futuristi, e dell'Api: una proposta di legge costituzionale per istituire un'Assemblea costituente di cento membri. Un anno per mettere nero su bianco una grande riforma dello Stato, un testo di riforma costituzionale da consegnare - con il consenso delle principali forze politiche - al prossimo Parlamento, forti di un'intesa già raggiunta e per un rapido varo nel 2013.