17 novembre 2019
Aggiornato 15:30
Giustizia | Omicidio Meredith

Amanda e Raffaele assolti per mancanza di prove

Nella Sentenza dei giudici della Corte d'assise d'appello di Perugia si precisa che «quello che si rileva ai fini della decisione è soltanto la mancanza di prova di colpevolezza degli attuali imputati»

PERUGIA - «Gli elementi indiziari non consentono, nemmeno nel loro insieme, di considerare provata in qualche modo la colpevolezza di Amanda Knox di Raffaele Sollecito nell'omicidio della studentessa britannica Meredith Kercher». Sono le motivazioni della sentenza del processo d'appello per la morte di Meredith Kercher e per il quale erano imputati Amanda e Raffaele. Nella sentenza dei giudici della Corte d'assise d'appello di Perugia si precisa che «quello che si rileva ai fini della decisione è soltanto la mancanza di prova di colpevolezza degli attuali imputati».

Dunque, i due imputati del processo mediatico di Perugia sono stati assolti per mancanza di prove. «Una volta esclusa la sussistenza della prova di colpevolezza - si legge nelle carte - a carico degli attuali imputati non spetta a questa Corte prospettare quale possa essere stato il reale svolgimento della vicenda, né se l'autore del reato sia stato uno o più di uno né se siano state o meno trascurate altre ipotesi investigative».