12 dicembre 2019
Aggiornato 03:30
Omicidio Meredith

Amanda e Raffaele da 1.448 giorni in carcere

Le difesa: «In quattro anni non hanno mai cambiato versione»

PERUGIA - Amanda e Raffaele, già condannati in primo grado per la morte di Meredith Kercher rispettivamente a 26 e 25 anni, si trovano in carcere dal 6 novembre del 2007, 4 giorni dopo la scoperta del cadavere della ragazza inglese nella casa di via della Pergola.

Se la sentenza di secondo grado sarà letta lunedì sera - come si prevede - i due ex fidanzati si troveranno ad un bivio: o continuare la pena, oppure uscire dopo 1.448 giorni di prigione tra Perugia e Terni. Raffaele Sollecito ha ormai compiuto 27 anni (ne aveva 23 all'epoca dei fatti), Amanda Knox - per l'accusa la mente del delitto - invece ne ha 24 (ne aveva 20). Meredith Kercher e Rudy Guede entrambi sono nati nel 1985.

I quattro anni passati dalle prime accuse sono stati anche oggetto dell'arringhe delle difese che hanno ribadito che «è un tempo insopportabile per degli innocenti» e che inoltre «in tutto questo periodo Amanda e Raffaele non hanno mai cambiato versione, mai un momento di cedimento».

In caso di assoluzione, il ritorno alla 'vita normale' potrebbe essere immediato sia per eventuali contratti milionari per libri (Amanda) che per gli studi già portati a termine (Raffaele, laureato in carcere).