31 marzo 2020
Aggiornato 09:00
Intervista a Porta a Porta

Milanese: «Oggi ha prevalso il voto di coscienza»

Il Deputato del PDL: «C'è valenza politica, ma io non faccio valutazioni»

ROMA - Il voto di oggi con cui la Camera ha respinto la richiesta di arresto del deputato Marco Milanese «è stato un voto di coscienza». Lo dice lo stesso deputato Milanese intervistato a Porta a Porta.

«Io penso - ha detto - che oggi ci sia stato un voto di coscienza, ognuno cioè ha votato rispettando la propria coscienza. Tra le opposizioni c'è stato qualcuno che ha tentato di rendere politico questo voto, ma quando si vota su una persona bisogna votare secondo coscienza. Sicuramente - ha aggiunto - la situazione politica ha giocato un ruolo come lo ha giocato per il collega Papa. Bisognava pensarci anche per Papa, ma oggi la coscienza ha prevalso».

Interrogato ancora a proposito della 'valenza politica' del voto di Montecitorio, Milanese ha risposto: «La valutazione politica sul voto la devono fare altri, chi più di me ha responsabilità politiche nel partito».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal