19 luglio 2024
Aggiornato 01:00
Nel mirino anche le trasmissioni di approfondimento informativo

Masi: da stasera provvedimenti per chi non rispetta la par condicio

Una nota dell'azienda per stabilire le regole in vista delle elezioni amministrative

ROMA - Dalla mezzanotte di oggi, ricorda l'azienda in una nota, è infatti operativa la disciplina 'stretta' della par-condicio secondo quanto stabilito dalla Commissione Parlamentare per l'indirizzo Generale e la Vigilanza dei Servizi radiotelevisivi per le trasmissioni di approfondimento informativo. E a questo riguardo il Direttore Generale Mauro Masi ha inviato ai responsabili di tutte le strutture aziendali interessate questa nota: «Si fa seguito alla comunicazione DG/2011/9724 del 31 marzo u.s. per ricordare che il 17 aprile p.v. è il termine ultimo di presentazione delle liste elettorali.

MASI: LA PAR CONDICIO VALE ANCHE PER I PROGRAMMI DI APPROFONDIMENTO - Il Dg della Rai, Mauro Masi, invita le strutture aziendali ad osservare in modo rigoroso le regole di par condicio previste dal regolamento della Vigilanza anche per i programmi di approfondimento in vista delle prossime amministrative.
Si richiama pertanto, per il periodo compreso tra lo spirare del predetto termine per la presentazione delle candidature e la mezzanotte del giorno precedente la data delle elezioni, la scrupolosa applicazione delle disposizioni specifiche dettate dalla normativa vigente e dal relativo Regolamento della Commissione parlamentare per l'indirizzo generale e la vigilanza dei servizi radiotelevisivi, già trasmesso con nota della Direzione Affari Legali e Societari (prot. ALS/RC/6404 del 31 marzo u.s.)».

PROVVEDIMENTI DISCIPLINARI PER CHI NON RISPETTERA’ LE REGOLE - «Si evidenzia - prosegue il Dg - che la mancata osservanza delle predette disposizioni costituisce comportamento aziendalmente rilevante anche ai fini gestionali e disciplinari.
Si raccomanda al Gruppo di lavoro appositamente costituito con note DG/2011/9731 del 31 marzo u.s. e DG/2011/9837 del 7 aprile u.s., di vigilare sulla rigorosa e corretta osservanza delle predette disposizioni, provvedendo a segnalare tempestivamente alla Direzione Generale eventuali criticità e/o violazioni ai fini delle conseguenti valutazioni e determinazioni.
Nel confidare nell'impegno di tutti gli operatori del servizio pubblico ad assicurare, nell'ambito delle rispettive competenze, l'osservanza di quanto rappresentato, si inviano cordiali saluti».