20 ottobre 2021
Aggiornato 15:00
Religione

Pedofilia, Papa: capisco chi lascia la Chiesa per protesta

«Il diavolo non ha sopportato l'anno sacerdotale e ci ha insudiciato»

CITTÀ DEL VATICANO - Il Papa ammette di capire quanti lasciano la Chiesa cattolica per protesta dopo lo scandalo della pedofilia. «Sì», risponde Benedetto XVI nel libro-intervista 'Luce del mondo' presentato oggi in Vaticano. «Penso naturalmente in primo luogo alle vittime stesse. Posso capire che a loro riesca difficile credere ancora che la Chiesa sia fonte del bene, che essa trasmetta la luce di Cristo, che essa aiuti a vivere. E anche altri, che pure hanno solo questa percezione negativa, non riescono più a vedere l'insieme, quello che è vivo nella Chiesa. Tanto più essa deve impegnarsi affinché questa grandezza e questa vitalità tornino ad essere visibili, nonostante tutta la negatività».
Questa l'analisi del Papa sulla coincidenza tra l'emergere dello scandalo pedofilia e l'anno sacerdotale: «E' immaginabile che il diavolo non riuscisse a sopportare l'anno sacerdotale e allora ci ha scaraventato in faccia il sudiciume. Ha voluto mostrare al mondo quanta sporcizia c'è anche proprio tra i sacerdoti», afferma Benedetto XVI, che dice: «Credo che queste terribili rivelazioni siano state alla fine un gesto della Provvidenza, che ci mortifica, che ci costringe a ricominciare di nuovo».