31 marzo 2020
Aggiornato 03:00
Direzione PDL

Bocchino: discorso deludente, segno di debolezza

Il capogruppo dei finiani: «Terza gamba c'è» e ricorso a urne «lo decide Capo dello Stato»

ROMA - Silvio Berlusconi, con il suo discorso alla direzione del Pdl di oggi, ha dovuto «prendere atto che la terza gamba del governo già c'è» e si chiama Futuro e Libertà. Lo ha detto il capogruppo alla Camera Italo Bocchino commentando al telefono il discorso del presidente del Consiglio, un discorso che Bocchino ha definito «deludente» e «segno della debolezza» del premier.
Soprattutto, per Bocchino l'intervento del premier è stato «privo di qualsiasi novità». «Ha riconosciuto l'esistenza della terza gamba nel Pdl? A Napoli si direbbe 'e ci voleva la zingara?'. Berlusconi - ha concluso Bocchino - ha dovuto prendere atto della realtà, di una realtà che esiste dal 29 luglio e che è certificata dai numeri».

Giudizio analogo da parte del deputato Fabio Granata. «Quello di Berlusconi è un discorso deludente, scontato e fuori tempo massimo: noi stiamo già costruendo l'alternativa per l'Italia». «Da Perugia - aggiunge Granata - partirà una pagina nuova della politica italiana».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal