7 giugno 2020
Aggiornato 03:00
RAI

Zavoli rimprovera Masi: sconcertante scusa rinvio audizione

«Siamo un organismo parlamentare di controllo: non può immaginare le domande»

ROMA - Lettera esplosiva del presidente della Commissione di Vigilanza Sergio Zavoli al direttore Generale della Rai Mauro Masi, contestando il suo diritto a rinviare la sua prevista audizione a San Macuto fissata per domani. «Leggo, sconcertato, le motivazioni che accompagnano la richiesta di rinviare la Sua audizione fino a quando non potrà disporre delle determinazioni assunte dal Consiglio di Amministrazione; e, immaginando le domande che Le verrebbero rivolte, mi anticipa, arbitrariamente, che non sarebbe in grado di rispondere», attacca Zavoli.

«Forse - denuncia il Presidente della Vigilanza - Le sfugge il significato dell'invito a fornire in Commissione una serie di notizie sull'andamento delle molte questioni che investono la credibilità del Servizio pubblico, talune riferite a ciò che Lei cita, ma altre, ben più numerose e complesse, ormai di argomento quotidiano. Le ricordo, infine, che La richiesta di ascoltarLa Le viene da una Commissione bicamerale che, per la giurisprudenza costituzionale, è l'editore dell'Azienda da Lei diretta».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal