30 luglio 2021
Aggiornato 03:00
Elezioni regionali

Merlo e Morando (Pd): no al corteo con Di Pietro

«Se ci saranno insulti contro Napolitano, Bersani se ne andrà»

ROMA - Nel Partito democratico non tutti sono favorevoli alla manifestazione di sabato prossimo. A dar voce al malumore per la presenza sul palco di Antonio di Pietro, in due distinte interviste, sono Giorgio Merlo e Enrico Morando.
«Mi pare che quella di sabato sarà una manifestazione all'insegna del più manette per tutti», afferma Merlo a Libero. «La piazza, la protesta, può essere utile. Ma solo se a guidarla politicamente è il Partito democratico. Visto che così non sarà, c'è da preoccuparsi». Secondo Merlo, «sarebbe stato meglio» che il leader dell'Italia dei valori «non parlasse». Ad ogni modo, «se ci saranno insulti contro il Capo dello Stato, il segretario nazionale (Bersani, ndr.) dovrà andarsene immediatamente».
Sulla stessa linea il liberal Morando, che, in un'intervista al Riformista, afferma: «Con Di Pietro che dice quello che dice su Napolitano, non è pensabile promuovere alcuna manifestazione comune». Per Morando, «bisogna rivedere il tipo di manifestazione programmata».