28 maggio 2020
Aggiornato 21:00
Zavoli riprova la mediazione

La Rai «boccia» il regolamento per le regionali

Domani la Presidenza della Vigilanza, ma sarà difficile che verranno apportate modifiche

ROMA - Il regolamento per le regionali, così com'è, rischia di incidere sui palinsesti della Rai e di creare disparità con le private. Questa la linea dei vertici Rai, che chiariscono di non avere margini: il regolamento si applica, non si interpreta. La palla torna dunque alla Vigilanza, l'unica sede dove eventualmente rimettere mano al testo. Il Presidente, Sergio Zavoli, prosegue nella sua mediazione e convoca per domani l'Ufficio di presidenza. Ma se nella maggioranza c'è chi ammette che c'è qualche «spazio di interpretazione» la via appare stretta.

MOLTI I DUBBI - Secondo le nuove regole, valide dal 28 febbraio per l'ultimo mese di campagna elettorale, i programmi di informazione devono ospitare le tribune politiche, che possono anche sostituirli o essere collocate in spazi analoghi. Tutti i programmi di informazione sono infatti sottoposti alle regole della comunicazione politica, che secondo la par condicio prevede appunto i confronti tra partiti e, aggiunge il regolamento, tra candidati. Molti i dubbi, tra conduttori e direttori di rete e testata, perplessità che lo stesso Presidente Paolo Garimberti ha evidenziato e che oggi, in Consiglio, sono state ribadite: il regolamento, questa la linea, incide negativamente sui palinsesti e rischia di creare una disparità tra l'informazione Rai e quella delle emittenti private. Detto questo, l'Azienda non può interpretarlo, ma solo applicarlo. L'auspicio che sarebbe emerso è che le nuove regole cambino, ma l'unica sede è la Vigilanza.

«CI SONO DEGLI SPAZI» - Il Presidente Zavoli, nella sua mediazione, punta sull'interpretazione delle norme, trovando pieno sostegno nell'opposizione e un varco nella maggioranza. «Ci sono degli spazi», dice il capogruppo Pdl Alessio Butti, ricordando però che il regolamento «non cancella niente» e che non esiste un rischio disparità con le private «che dovranno sottostare al regolamento che l'Agcom emanerà». Certo è «che la par condicio, una volta applicata integralmente, risulta decisamente da rivedere». In ogni caso di margini l'ala forzista della maggioranza, a quanto si apprende, ne vede pochi, avallata in questo dalla Lega che si oppone da giorni ad ogni possibile revisione del regolamento.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal