23 gennaio 2020
Aggiornato 03:30
Religione & Società

Tra Ebrei e Cattolici clima di dialogo nonostante i problemi

All'Angelus il Pontefice parla della visita in Sinagoga: «Uniti da pace e dalla tutela della vita»

CITTÀ DEL VATICANO - «Malgrado i problemi e le difficoltà», tra ebrei e cattolici «si respira un clima di grande rispetto e di dialogo»: così il Papa che, parlando della visita che compirà nel pomeriggio alla sinagoga di Roma curante l'angelus di mezzogiorno a piazza San Pietro, sottolinea che i credenti delle due religioni sono uniti dalla «fede nell'unico Dio», ma anche dalla «tutela della vita e della famiglia», e dall'«aspirazione alla giustizia sociale ed alla pace».

«Oggi pomeriggio, a quasi 24 anni dalla storica Visita del Venerabile Giovanni Paolo II, mi recherò alla grande Sinagoga di Roma, detta Tempio Maggiore, per incontrare la Comunità ebraica della Città e porre un'ulteriore tappa nel cammino di concordia e di amicizia tra Cattolici e Ebrei», ha detto Benedetto XVI affacciato alla finesta del suo studio nel palazzo apostolico vaticano. «Infatti - ha aggiunto - malgrado i problemi e le difficoltà, tra i credenti delle due Religioni si respira un clima di grande rispetto e di dialogo, a testimonianza di quanto i rapporti siano maturati e dell'impegno comune di valorizzare ciò che ci unisce: la fede nell'unico Dio - ha concluso Ratzinger - prima di tutto, ma anche la tutela della vita e della famiglia, l'aspirazione alla giustizia sociale ed alla pace».