5 dicembre 2022
Aggiornato 02:00
Omicidio Meredith

Amanda dal carcere: ho paura ma anche speranza

La confessione della studentessa americana a una giornalista dell'Associated Press: «non so cosa sta succedendo»

PERUGIA - Amanda Knox ha detto ad Ap dalla cella del carcere perugino di «avere paura», ma anche «speranza», otto giorni dopo la condanna a 26 anni di carcere per l'uccisione della studentessa britannica Meredith Kercher. Durante la visita di circa 10 minuti di due deputati italiani, funzionari penitenziari e un paio di giornalisti nel carcere di Capanne, alla periferia di Perugia, la 22enne americana di Seattle ha dichiarato di «avere paura, perchè non so cosa sta succedendo».

La Knox si trova in carcere da due anni, da quando è stata arrestata pochi giorni dopo l'assassinio di Meredith nella casa che le due studentesse condividevano a Perugia. Quando i visitatori sono arrivati era seduta sul suo letto, nella cella di nove metri quadri, e ha detto di «essersi sentita in modo tremendo» dopo la sentenza del 5 dicembre.