21 giugno 2024
Aggiornato 08:00
Il progetto di legge

Lega all'attacco: tetto alla cassa integrazione per gli extracomunitari

Fugatti: le risorse sono poche, prima dobbiamo pensare a italiani. Intanto Bossi dice no alla Cittadinanza per gli immigrati

ROMA - Un tetto di sei mesi per il 2010 alla Cassa integrazione per gli extracomunitari. La Lega torna all'attacco e con un emendamento alla Finanziaria fissa una durata massima agli strumenti di sostegno al reddito per i lavoratori di cittadinanza non italiana e non comunitaria. «Le risorse sono quelle che sono - commenta il deputato del Carroccio Maurizio Fugatti - e prima di tutto dobbiamo pensare ai cittadini italiani».

TETTO DI 6 MESI PER LA CIG - «Per i lavoratori residenti sul territorio nazionale - si legge nel testo della proposta di modifica - non cittadini italiani ovvero comunitari destinatari di qualsiasi trattamento di sostegno al reddito, ai sensi della legislazione vigente in materia di ammortizzatori sociali, la durata del beneficio non può essere per l'anno 2010 superiore a sei mesi».

BOSSI: CITTADINANZA? VOTIAMO CONTRO - Il leader della Lega Nord, Umberto Bossi, smorza le polemiche sulla calendarizzazione a dicembre del progetto di legge sulla cittadinanza agli immigrati. «Noi votiamo contro», si è limitato a dire il ministro rispondendo ai cronisti mentre lasciava i gruppi di Montecitorio.

Su questo tema è intervenuto anche Ignazio La Russa, ministro della Difesa e coordinatore nazionale del Popolo della libertà che all'AdnKronos ha detto: «Non è una questione da decidere con un vertice. Spetta alla Consulta su riforme e problemi dello Stato del Pdl avviare una discussione e affrontare il tema dell'immigrazione, a cominciare dal nodo della cittadinanza».