20 gennaio 2021
Aggiornato 23:30
Immigrazione. Lombardia

Formigoni contestato per gli sgomberi dei nomadi a Milano

«La regione Lombardia non è responsabile di queste azioni»

MILANO - Il presidente dell Regione Lombardia, Roberto Formigoni, è stato contestato da un ragazzo questo pomeriggio alla Casa della carità durante il suo intervento in occasione del convegno «Milano si-cura». Mentre il presidente parlava dell'importanza di essere vicino agli ultimi dalla platea, un ragazzo gli ha chiesto come si conciliasse la politica di vicinanza agli ultimi con gli sgomberi l'ultimo dei quali è avvenuto oggi in via Rubattino. «La Regione Lombardia non è responsabile di queste azioni, come è noto» è stata la risposta secca del presidente Formigoni.

INCIVILTÀ - Il ragazzo che è stato subito all'allontanato dalla sala è un volontario di una casa di riposo milanese che vive a Vedano al Lambro. «Per me ormai in questa città c'è la caccia agli immigrati - ha spiegato subito dopo - li deportiamo sui bus con le inferriate. I clandestini non sono quelli della legge ma chi ha fatto quella legge è un clandestino dell'umano. Stiamo all'inciviltà».