22 settembre 2019
Aggiornato 02:00
Emergenza caldo

Attivato lo stato di attenzione in Emilia Romagna

In ogni provincia squadre e mezzi della colonna mobile della Protezione civile regionale

BOLOGNA - L'Agenzia regionale di Protezione civile ha diramato in data odierna un'allerta che attiva lo stato di attenzione per il caldo sulla pianura emiliano-romagnola e sulla fascia costiera, dalle ore 14 di mercoledì 15 luglio fino alle ore 20 di venerdì 17 luglio.

Sul territorio regionale è in arrivo un sensibile incremento delle temperature, con progressivo rialzo sia nei valori minimi sia nei valori massimi. Le massime potranno superare i 35 gradi e il concomitante incremento dei valori di umidità relativa comporterà condizioni di disagio bioclimatico, soprattutto nelle aree urbane dei capoluoghi della Regione.
Le giornate più calde saranno giovedì 16 e venerdì 17 luglio.

Sono state allertate tutte le strutture del sistema regionale di Protezione civile, che opereranno in raccordo con le ASL locali e i servizi sociali dei Comuni interessati. In particolare è stato pianificata la presenza, in ogni ambito provinciale, di tre mezzi della colonna mobile regionale, con tre squadre di volontari di Protezione Civile dotati di adeguate scorte di acqua potabile. La sala operativa unificata della Protezione Civile regionale terrà gli opportuni raccordi operativi sia con AUSL e Comuni sia con ENEL distribuzione.

Norme di comportamento individuale per le categorie più esposte ed altri approfondimenti nel testo dell’allerta consultabile on line sul sito www.protezionecivile.emilia-romagna.it.

Il Servizio sanitario regionale ha attivato il numero verde 800.033.033 per ogni eventuale chiarimento e informazione.
Per avere informazioni più dettagliate sui parametri che caratterizzano il disagio bioclimatico si rimanda al sito www.arpa.emr.it/disagio.