28 gennaio 2020
Aggiornato 01:30
Il cordoglio del presidente Andrea Olivero

Terremoto, Acli: «Un aiuto per l'Aquila»

Attivati due conti correnti per raccogliere fondi

ROMA - Per raccogliere fondi da destinare alle popolazioni vittime del terremoto in Abruzzo, le Associazioni cristiane dei lavoratori italiani hanno attivato due conti correnti presso Poste Italiane e Banca Etica. Per gli iscritti delle sedi provinciali sparse in tutta Italia e per tutti i cittadini che intendono offrire un contributo economico.

I fondi raccolti saranno destinati alla realizzazione di progetti mirati da attuare nella fase di ricostruzione, in accordo con le Acli territoriali, che in Abruzzo contano 110 circoli per oltre 12mila soci, di cui circa la metà residenti nella provincia de L'Aquila.

Il presidente nazionale delle Acli Andrea Olivero esprime il cordoglio dell'associazione per le vittime, la vicinanza ai feriti, ai familiari, a tutte le persone coinvolte: «Gli abitanti de L'Aquila e dell'Abruzzo potranno contare sul sostegno, l'affetto e la solidarietà degli italiani, che nei momenti di difficoltà come questi sanno riconoscersi come un popolo unito e dare prova di grande generosità».

I contributi di solidarietà possono essere versati sul conto corrente bancario di Banca Etica (Iban - IT 06 M 05018 03200 000000129000) intestato a «Acli - Un aiuto per L'Aquila»; oppure su conto corrente postale intestato alle «Acli» (Iban - IT68 D07601 03200 000030577001), indicando nella causale «Acli - Un aiuto per L'Aquila«).