22 agosto 2019
Aggiornato 19:32
Mezzogiorno

D'Antoni: drammatici i dati su credito a microimprese

«Mentre il governo non fa assolutamente nulla per tutelare le famiglie e le piccole aziende, le banche hanno cominciato a chiudere i rubinetti alle microimprese, e in particolare a quelle meridionali. I dati forniti dalla Cgia di Mestre descrivono uno scenario drammatico ma purtroppo prevedibile.

Ad essere veramente sorprendente è invece la disinvoltura del ministro Tremonti, che dopo aver smantellato il credito d’imposta lasciando gli imprenditori del Mezzogiorno nella morsa della stretta creditizia, vorrebbe vendersi ora come meridionalista tirando fuori dal cilindro la storia della Banca del Sud».

Lo afferma Sergio D’Antoni, esponente Pd e vicepresidente della commissione Finanze della Camera.

«La recessione non si argina a colpi di slogan, ma con serie politiche di sostegno al reddito e con strumenti specifici di fiscalità di sviluppo per gli imprenditori che operano nelle aree deboli. Dopo aver scippato 20 miliardi al Mezzogiorno, Tremonti non creda che basti lo spot della Banca del Sud per blandire la rabbia e la profonda disillusione che i cittadini e gli imprenditori meridionali nutrono ormai nei confronti di questo governo».