14 giugno 2024
Aggiornato 11:30
Cooperazione internazionale

Delegazione alessandrina in Turchia

Per verificare i lavori svolti con i fondi provenienti da a.Ato6 finalizzati alla realizzazione di una parte del sistema fognario della città di Bostanici

Una delegazione alessandrina si è recata, con estrema difficoltà dovuta agli scioperi dei piloti Alitalia che hanno dilatato esponenzialmente i tempi di viaggio, nella parte estrema della Turchia, dove si è concentrata la minoranza curda, per verificare i lavori svolti con i fondi provenienti da a.Ato6 finalizzati alla realizzazione di una parte del sistema fognario della città di Bostanici.

I Consiglieri Comunali Gianfranco Cuttica di Revigliasco e Mara Scagni, il Consigliere dell’Istituto per la Cooperazione e lo Sviluppo, Giulio Masoni, e il tecnico e consulente Amag, Mauro Oddone, hanno accertato l’esecuzione delle opere, per la parte oggetto del finanziamento, e di una ulteriore porzione grazie ai risparmi effettuati nel corso della costruzione.

I numerosi incontri ufficiali, che hanno destato una notevole da parte della stampa locale, hanno sottolineato, come testimoniato anche da una targa posta a memoria, la valenza della collaborazione che la città di Alessandria offre a questa zona dal 1999 quando, grazie all’intervento finanziario del Comune di Alessandria, in collaborazione con ICS, si era già intervenuti per la realizzazione di un sistema di acquedotto con pozzi di captazione, vasche di raccolta, sistemi di potabilizzazione e distribuzione.

I colloqui con Gülcihan Simsek, Sindaco di Bostanici, villaggio di 20.000 abitanti, e con l’Ordine degli Ingegneri di Van, città di 700.000 abitanti, hanno analizzato i lavori svolti, con la possibilità di ampliamento e di collegamento al depuratore, le necessità che emergono in termini di pianificazione urbanistica e le possibilità di sviluppo dell’area legate, in particolare, alla presenza del famoso lago, patrimonio UNESCO, e di interessanti testimonianze di storia, arte e cultura come siti appartenenti alla civiltà urartu (850 a.C.) e preziose Chiese armene del IX sec. d.C..

La delegazione alessandrina ha espresso molta soddisfazione dall’emergere di spunti assai utili per scambi di conoscenze e know-how con i nostri professionisti così che l’aiuto possa esprimersi, oltre che finanziariamente, anche in un flusso di saperi.

Il Consigliere Cuttica di Revigliasco ha sottolineato «l’importanza della positiva continuità dell’intervento nonostante, nel frattempo, ad Alessandria, si siano alternate diverse amministrazioni comunali.

La dignità della popolazione locale, le precisione e la puntualità nell’esecuzione dei lavori previsti, nonostante la situazione di disagio, ci pongono nelle condizioni di riflettere con coscienza rispetto alla possibilità di continuare una collaborazione che, peraltro, troverei profondamente condivisibile ed anche in linea con la filosofia leghista dell’’aiutiamoli a casa loro’. Occorrerebbe, forse, andare oltre e comprendere come si possano individuare occasioni di sviluppo di collaborazione nelle quali, eventualmente, mettere in campo le competenze e gli obiettivi anche delle nostre imprese».