28 gennaio 2020
Aggiornato 01:00
Immigrazione

Bordo: «Stanziare fondi per combattere sovraffollamento carceri»

Interrogazione a Maroni su centro accoglienza Borgo Mezzanone

«I sacrifici e l’impegno profusi a livello locale sono assolutamente lodevoli, ma non possono essere sufficienti a risolvere i problemi determinati dal sovraffollamento del centro di accoglienza di Borgo Mezzanone. Il Governo ha il dovere di intervenire, se davvero ritiene la sicurezza, degli italiani e degli immigrati, una priorità».

E’ il commento di Michele Bordo, deputato del Partito Democratico, al termine dell’incontro svoltosi, questa mattina, presso la Prefettura di Foggia, con l’obiettivo di individuare soluzioni operative capaci di restituire la serenità alla borgata manfredoniana».

«A partire dalla necessità di garantire adeguati livelli di sicurezza – afferma Bordo – quando, il 30 settembre, sarà smantellata la postazione mobile della Polizia di Stato», attivata dopo le risse dei giorni scorsi. Invece, «questo servizio – sottolinea il deputato del PD – deve diventare permanente, o comunque essere prolungato fino a quando nel centro saranno ospitati più del doppio dei richiedenti asilo politico previsti per quella struttura».

Inoltre, assecondando e facendo propria una richiesta del sindaco di Manfredonia, Paolo Campo, «laddove esistono i Centri di Accoglienza Richiedenti Asilo (C.A.R.A.), è indispensabile attivare servizi di accoglienza che rendano queste strutture più vivibili e facilitino le relazioni con la comunità ospitante. Il Governo – sottolinea Bordo – oggi può toccare con mano, a Borgo Mezzanone come a Lampedusa o a Palese, l’errore commesso cancellando tutti i fondi che il Governo Prodi aveva stanziato proprio per favorire l’integrazione degli immigrati».

Il deputato del PD ha annunciato una interrogazione urgente al ministro dell’Interno, Roberto Maroni, «per denunciare il disagio vissuto a Mezzanone e sollecitare l’adozione di soluzioni operative, a partire dalla riduzione del numero degli ospiti del centro ad un livello adeguato alle capacità della struttura».