28 ottobre 2021
Aggiornato 23:00
Il premio rientra nella campagna di sensibilizzazione “Veneto d’aMare” promossa da Arpav

Rosolina premiata con il Delfino Blu

Riconoscimento assegnato dall’Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto ai litorali veneti che maggiormente si distinguono per la qualità delle acque marino costiere

L’assessore alle politiche di bilancio della Regione del Veneto, Isi Coppola, è intervenuta oggi, presso il porto di Albarella ,  alla consegna al sindaco del Comune di Rosolina, Luciano Mengoli, del «Delfino Blu», riconoscimento assegnato dall’Agenzia regionale per la prevenzione e protezione ambientale del Veneto ai litorali veneti che maggiormente si distinguono per la qualità delle acque marino costiere. Il premio rientra nella campagna di sensibilizzazione «Veneto d’aMare» promossa da Arpav con l’obiettivo di coinvolgere i turisti delle coste venete, ma anche i cittadini locali, in un percorso alla scoperta dell’ambiente marino costiero.

Nel portare il saluto della giunta regionale l’assessore Coppola ha precisato di aver accolto con soddisfazione, ma anche con sorpresa, la notizia dell’assegnazione del riconoscimento  Delfino Blu al Comune di Rosolina.

A questo proposito ha ringraziato l’Arpav per la sua attività, ricordando che il Veneto è stata la prima regione ad aver istituito, circa 10 anni fa, l’Agenzia per l’ambiente, una realtà cresciuta in modo esemplare tanto da rappresentare un esempio per le altre. «Questo premio – ha proseguito – rappresenta un segnale importante per questa realtà turistica che sta crescendo, puntando non solo sulla qualità dei servizi, ma anche sulla qualità dell’ambiente. E’ un tassello in più – ha ribadito – importante e prestigioso per la nostra realtà, che deve essere fatta conoscere e dove il turista può trovare delle caratteristiche naturali ed ambientali veramente uniche. Complimenti quindi a quanti hanno operato e saputo mantenere inalterata questa ricchezza».

L’assessore Coppola ha poi concluso ricordando che dal prossimo anno sarà a disposizione della Regione e di Arpav un’ imbarcazione attrezzata per analisi in mare. «E’ nostra intenzione – ha precisato – verificare certi dati forniti da Goletta Verde, dati che non sempre condividiamo e rispetto ai quali vogliamo dare certezze sul reale stato delle nostre acque e impedire facili speculazioni a danno del turismo veneto».