6 aprile 2020
Aggiornato 03:30
Industria 4.0

Considi entra nel capitale della start-up padovana Prorob

La piattaforma ProNet-IoT monitora i workflow industriali da dispositivi mobile. Elemento chiave di trasformazione digitale che sarà molto utile nella partnership con KACST in Arabia Saudita

Da sinistra a destra: Fabio Cappellozza, presidente di Considi; Fabio Oscari, Ad di Prorob e Gianni Dal Pozzo, ad di Considi
Da sinistra a destra: Fabio Cappellozza, presidente di Considi; Fabio Oscari, Ad di Prorob e Gianni Dal Pozzo, ad di Considi Ufficio Stampa

Controllare i processi produttivi con lo smartphone: Considi entra nel capitale di una delle più promettenti start-up innovative del Nordest e aggiunge così un tassello importante nella diffusione della cultura di Industria 4.0. Il 2020 si apre per Considi con l’ingresso, pari al 20 per cento del capitale, in Prorob, start-up innovativa fondata a Padova nel 2017 da Fabio Oscari, Luca Barbazza e Simone Minto, tre ingegneri con un PhD in Meccatronica con l’obiettivo di creare innovazione nelle PMI italiane.

Nella loro attività di ricerca all’Università di Padova, University of California a Irvine e Columbia University, i tre ingegneri hanno sviluppato competenze trasversali dalla meccanica all’informatica che hanno permesso di creare ProNet-IoT, framework modulare, hardware e software, che interfaccia oggetti fisici (robot, sensori, macchine) con il mondo digitale (algoritmi di controllo, database e software gestionali), presenta dati e notifiche su PC, tablet, smartphone e smartwatch, crea workflow per il cliente in modo flessibile e personalizzato. 

ProNet-IoT è una piattaforma, già testata e venduta, per diffondere Industria 4.0 non solo in Italia ma anche all’estero. Grazie a Considi, questo framework verrà messo a disposizione anche dell’Istituto governativo di ricerca scientifica KACST in Arabia Saudita con cui la società vicentina di consulenza ha già iniziato una partnership lo scorso anno. Il King Abdlulaziz City for Science and Technology, con 1,5 mld di dollari di investimenti in ricerca e circa 13 mila dipendenti, intende potenziare il know-how tecnologico per Saudi Vision 2030 il piano strategico che mira a portare l’economia saudita a dipendere solo per il 50 per cento dal petrolio entro quella data, anzitutto grazie al potenziale della Digital Transformation e all’innesto di professionisti e tecnologie selezionati all’estero.

«L’ingresso in Prorob Srl - sottolinea Gianni Dal Pozzo, AD di Considi - conferma la nostra strategia di consolidamento sui temi dell’Industria 4.0. Vogliamo sempre più offrire ai nostri clienti progetti «chiavi in mano» di trasformazione del loro business. Siamo certi che l’eccellenza operativa si possa raggiungere abilitando simultaneamente tre fattori: persone, processi e tecnologie. Con Prorob possiamo chiudere il cerchio e affrontare uno dei progetti più sfidanti del 2020, la partnership con l’Istituto KACST».

«L’alleanza con Considi - afferma Fabio Oscari AD di Prorob – rappresenta una tappa fondamentale nel processo di crescita ed evoluzione dell’azienda con l’opportunità di estendere gli orizzonti di mercato ed accelerare la diffusione delle nuove tecnologie di Smart Manufacturing all’interno del tessuto manufatturiero italiano ed estero. Questa partnership combina l’esperienza di Considi nella Lean Transformation e la nostra capacità di creare tecnologie innovative con l’ambizioso obiettivo di diventare, insieme, il punto di riferimento per la quarta rivoluzione industriale».

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal