5 giugno 2020
Aggiornato 14:30
digital payments

Apple Pay in Italia, in quali negozi si può pagare con lo smartphone

L’arrivo in Italia di Apple Pay era atteso da tempo: la sua ascesa in Italia potrebbe accelerare ulteriormente il processo di digitalizzazione degli utenti verso i pagamenti più digitali

MILANO -  Da oggi, mercoledì 17 maggio, Apple Pay, il sistema sviluppato dall’azienda di Cupertino per effettuare pagamenti direttamente con iPhone o Apple Watch nei negozi, arriva finalmente in Italia. In questo modo sarà possibile pagare la spesa al supermercato, il pranzo al ristorante o la sdraio per il giardino direttamente con il proprio smartphone. Ma non solo, perché Apple Play consente anche i pagamenti su app e web.

Accelerata alle transazioni digitali
L’arrivo in Italia di Apple Pay era atteso da tempo: il servizio, infatti, è stato lanciato negli Usa nel 2014 e poi progressivamente esteso in Australia, Canada, Cina, Francia, Giappone, Hong Kong, Nuova Zelanda, Regno Unito, Russia, Singapore, Spagna e Svizzera. La sua ascesa in Italia potrebbe accelerare ulteriormente il processo di digitalizzazione degli utenti verso i pagamenti più digitali. Del resto il servizio viene già utilizzato da decine di milioni di utenti e negli ultimi 12 mesi ha visto le transazioni crescere del 450%.

Come funziona Apple Play
In sostanza, quello che potranno fare i possessori di iPhone è associare allo smartphone le carte di credito Visa e Mastercard e i circuiti bancari UniCredit, Carrefour Banca e Boon. Entro la fine del 2017 aderiranno altri circuiti come Mediolanum, American Express, Fineco Bank e altri ancora. Il servizio, come detto, funziona sia nei negozi fisici che sul web. Avvicinando il telefono al terminale come fosse una carta contactless, si darà l’ok al pagamento. Per evitare sventure, è necessario che lo smartphone riconosca il proprietario. E ciò sarà possibile con l’attivazione del touch ID. Attraverso Apple Pay sarà possibile fare acquisti anche sul web con Safari, senza bisogno di account o login. Apple Pay non archivia dati sulle transazioni che possano essere ricollegati all’utente. Solo gli acquisti più recenti vengono conservati, per comodità, e possono essere trovati in Wallet.

I negozi in cui è possibile pagare con Apple Pay
Attraverso Apple Pay basterà appoggiare semplicemente lo smartphone al Pos per effettuare il pagamento, senza aver bisogno di contanti o di carte di credito. Attraverso la tecnologia Nfc, tutto diventa quindi più veloce ed immediato. In merito alla sicurezza, quando effettuate un pagamento, Apple Pay usa un numero specifico del vostro dispositivo e un codice di transazione univoco. Quindi i dati della vostra carta non vengono mai memorizzati sul dispositivo o sui server di Apple, né condivisi con i commercianti durante l’operazione. Nella speranza che sempre più esercizi commerciali decidano di adottare questo nuovo sistema di pagamento digitale, vi indichiamo i negozi in cui è possibile effettuare transazioni attraverso Apple Pay:
- Apple
- Auchan
- Autogrill
- Carrefour
- Eataly
- Eprice
- Esselunga
- Eurospin
- La Gardenia
- H&M
- Leroy Merlin
- Lidl Italia
- Media Word
- Limoni
- Mondadori Store
- Ovs
- La Rinascente
- Sephora
- Simply
- Unieuro

Le app e i siti che usano Apple Pay
Oltre ai negozi fisici, come abbiamo detto, Apple Pay può essere usato anche su app e siti. Tra quelli che consentono già la nuova modalità di pagamento troviamo Deliveroo, easyJet, ePrice, Giglio.com, Lanieri, Musement, Trainino e Unieuro.

Sostieni DiariodelWeb.it

Caro lettore, se apprezzi il nostro lavoro e se ci segui tutti i giorni, ti chiediamo un piccolo contributo per supportarci in questo momento straordinario. Grazie!

PayPal