13 novembre 2019
Aggiornato 00:00
spazio

Cos'è la Super Luna che vedremo nel cielo oggi

“Super Luna” è un termine per la verità coniato da un astrologo ed usato più dai giornalisti e dai divulgatori scientifici che dagli astronomi. Indica il momento in cui il nostro satellite si trova più vicino alla Terra

TORINO - Oggi, 14 novembre, è il giorno della Super Luna. Secondo gli Estbat, rituali «eretici» rivolti alle fasi lunari, quella di novembre è chiamata la Luna della Neve, una tradizione che porta indietro nel tempo, quando durante questo mese a cavallo tra autunno e inverno già una leggera coltre di neve ricopriva le campagne. In quelli che rappresentavano i riti pagani legati alle fasi lunari, questa era la Luna che incitava a portare a termine i propri progetti, chiudendo le questioni in sospeso.

Mai così grande da 70 anni
Tradizioni e rituali a parte, erano più o meno 70 anni che la Luna non era così vicina alla Terra, in particolar modo dal 26 gennaio del 1948, quando la distanza fu di 356.461 chilometri, leggermente più corta rispetto a quella che si verificherà nella giornata di oggi, dove la Terra e il nostro satellite saranno distanti «solo» 356.509 chilometri. Un fortuna poterla osservare, sempre che le condizioni meteo siano dalla nostra. Di fatto, bisognerà attendere fino al 2014 per godere nuovamente di uno spettacolo simile.

Che cos’è la Super Luna
Oggi è, infatti, il giorno in cui la Luna, nella sua orbita ellittica, è più vicina alla Terra (perigeo) e per questo appare più grande del 14% della Luna piena che capita invece con la Luna nel punto dell’orbita più lontano (apogeo). Nel caso in cui la fase di Luna piena avvenga nel punto dell’orbita a noi più prossimo si parla da qualche anno di «Super Luna», un termine per la verità coniato da un astrologo ed usato più dai giornalisti e dai divulgatori scientifici che dagli astronomi. Non potendo avere le due Lune piene a confronto contemporaneamente, sarà piuttosto difficile accorgersi della differenza, anche perché, a conti fatti la Super Luna sarà più grande rispetto a quella che siamo soliti osservare, solo del 7%. Niente paura, però, perché a fare la differenza ci penserà la luminosità: la luce emanata dal nostro satellite in queste sere, infatti, sarà addirittura del 15% più grande rispetto alla media.

Quando guardare il cielo
La Luna piena raggiungerà il perigeo oggi alle ore 14,54 (ora italiana) e potremo osservarla bene qualche ora dopo, quando il sole sarà calato dietro l’orizzonte. La luce emanata sarà comunque più forte del solito e sottrarrà la scena a un altro fenomeno che si verifica in questo periodo, quello delle Leonidi, le stelle cadenti di novembre che altro non sono che polveri di cometa. La Terra può attraversare queste nuvole di polveri in diversi periodi dell’anno, non solo a metà agosto in concomitanza con la ricorrenza di San Lorenzo. Ebbene, uno dei periodi più favorevoli per osservarle è proprio la metà di novembre. Quest’anno, però, dovremo dare spazio alla Luna.