13 luglio 2020
Aggiornato 17:00
Missioni spaziali

La sonda marziana russa in panne cadrà sulla terra il 15 gennaio

Lo sostiene il dipartimento Aerospaziale russo ma la data può cambiare. La sonda Phobos-Grunt, lanciata all'inizio di novembre verso l'omonima luna marziana, è rimasta in orbita terrestre a causa di un malfunzionamento dei motori del razzo vettore

MOSCA - La sonda marziana russa Phobos Grunt precipiterà sulla terra tra 11 giorni, con l'incognita di grossi frammenti che potrebbero resistere all'attrito con l'atmosfera e quindi schiantarsi al suolo prima di disintegrarsi. A indicare una data precisa, ma comunque passibile di variazioni, è il portavoce delle Truppe aerospaziali del ministero russo della Difesa, Aleksey Zolotukhin.
«A oggi, la caduta di frammenti del veicolo spaziale Phobos-Grunt è attesa per il 15 gennaio 2012 - ha dichiarato Zolotukhin all'agenzia Interfax - la data effettiva della caduta potrebbe cambiare in base all'influenza di fatti esterni».

I frammenti potrebbero arrivare a 200kg di peso - La sonda Phobos-Grunt, lanciata all'inizio di novembre verso l'omonima luna marziana, è rimasta in orbita terrestre a causa di un malfunzionamento dei motori del razzo vettore. Per ora i tecnici russi non si sbilanciano sulla zona dell'impatto dei frammenti, che potrebbero, avvertono da Mosca, arrivare a 200 chilogrammi di peso.