15 novembre 2019
Aggiornato 19:00
Polemiche per gli studi sperimentali

Virus letale, il Governo USA chiede censura alle riviste scientifiche

L'invito rivolto per «motivi di sicurezza» a Nature e Science per scongiurare il rischio che gruppi terroristici possano tentare di impossessarsi, se non del virus, delle procedure sperimentali per crearlo e produrre così armi biologiche di distruzione di massa

NEW YORK - Il governo americano ha chiesto alle riviste scientifiche Nature e Science di pubblicare versioni parzialmente censurate di alcuni studi sperimentali su un pericoloso ceppo influenzale potenzialmente contagioso per gli esseri umani.

L'US National Science Advisory Board for Biosecurity - un organismo creato ad hoc negli Stati Uniti dopo l'allarme antrace del 2001 - ha chiesto alle due riviste di censurare parte dei dati forniti dai due gruppi di ricerca (in Olanda e negli Usa) su un virus di influenza aviaria, classificato H5N1, in grado di saltare dalla specie animale a quella umana. Le conclusioni della ricerca possono essere pubblicate, «ma non i dettagli sperimentali e i dati che potrebbero rendere possibile una ripetizione degli esperimenti di laboratorio», è scritto nella raccomandazione inviata alle riviste.

La richiesta, la prima nel suo genere come precisa fin dalla prima riga l'articolo di oggi del New York Times, è stata rivolta dalle autorità americane per motivi di sicurezza, per scongiurare il rischio che gruppi terroristici possano tentare di impossessarsi, se non del virus, delle procedure sperimentali per crearlo e produrre così armi biologiche di distruzione di massa.