21 ottobre 2021
Aggiornato 23:30
Dichiarazioni del Segretario nazionale della Flai-Cgil Antonio Mattioli

Lo Snebi riveda le sue posizioni sul contratto dei consorzi di bonifica

«Assistiamo ad un proliferare di circolari interne da parte delle dirigenze dei Consorzi finalizzate ad intimidire i lavoratori»

«A seguito della dichiarazione di due giornate di sciopero dei dipendenti dei Consorzi di bonifica, come conseguenza della rottura delle trattative per il rinnovo del biennio economico, assistiamo ad un proliferare di circolari interne da parte delle dirigenze dei Consorzi finalizzate ad intimidire i lavoratori, tentando in questo modo di vanificare l’iniziativa di lotta.

A fronte di questa situazione ribadiamo la piena validità delle mobilitazioni e provvederemo a verificare se esistono gli estremi per tutelarci legalmente di fronte ad un atteggiamento palesemente antisindacale.

Il futuro dei Consorzi di Bonifica passa anche attraverso la valorizzazione del lavoro ed il Contratto nazionale è uno strumento che misura il riconoscimento di tutto ciò.
La posizione della controparte rischia di far saltare l’intera rete dei Consorzi ed è bene, pertanto, che si assuma la piena responsabilità per le conseguenze che ne deriveranno.

L’unica via di uscita possibile, dopo la rottura che si è consumata qualche giorno fa, è che lo Snebi receda dalle posizioni assunte e riconosca al lavoro la dignità che merita».