12 luglio 2024
Aggiornato 16:00
Dopo la strage alla Manchester Arena

Manchester, giovane musulmano regala abbracci per dire no ai pregiudizi

In risposta all'attentato suicida di Manchester che ha fatto 22 morti e 116 feriti, un giovane ingegnere informatico musulmano di 22 anni, di nome Baktash Noori, ha deciso di reagire così

MANCHESTER - In risposta all'attentato suicida di Manchester che ha fatto 22 morti e 116 feriti, un giovane ingegnere informatico musulmano di 22 anni, di nome Baktash Noori, ha deciso di reagire spiazzando i pregiudizi. Si è messo all'angolo di una strada della città con una mascherina sugli occhi e un cartello ai piedi che recitava: "Sono musulmano e vi offro tutta la mia fiducia. E voi avete abbastanza fiducia per abbracciarmi?». Un esperimento riuscito, molti gli abbracci, alcuni anche commossi.