19 giugno 2019
Aggiornato 05:00
Verso le urne del 7 maggio

Macron-Le Pen, i peggiori insulti del dibattito tv

Il meglio (anzi, il peggio) di quello che è già stato ribattezzato 'dibattito degli insulti' tra i due candidati all'Eliseo

PARIGI - Il giorno dopo il "dibattito degli insulti", Marine Le Pen è stata contestata a colpi di uova in Bretagna e Emmanuel Macron si è vestito da operaio per visitare una vetreria di Albi, nel sud. Per Thomas Guénolé, politologo: "Per riassumere, il dibattito si è limitato a Marine le Pen che ripeteva "lei è il candidato del Sistema" e Macron di fronte che ripeteva "Lei è impreparata, lei è impreparata». E poi tanti insulti: banchiere, piccolo Hollande, amico dei jihadisti, candidato dei soldi, estremista europei, mentre Le Pen per Macron era impreparata, piena d'odio, nutrita delle paure dei francesi, bugiarda e sottomessa a Putin. "Non sarà il dibattito a decidere il vincitore. Probabilmente sarà Emmanuel Macron. Forse il voto si sposterà un pochino ma non ci saranno rivoluzioni." conclude il politologo. Appuntamento alle urne domenica 7 maggio.