23 giugno 2017
Aggiornato 14:00
Tra loro 15 donne e 5 bambini

Libia, ennesimo naufragio: 97 migranti «tutti morti»

Almeno 97 migranti risultano dispersi, dopo il naufragio della loro imbarcazione al largo delle coste della capitale libica. In 23 salvati dalla guardia costiera

ROMA - Si teme una nuova strage in mare. Almeno 97 migranti risultano dispersi, dopo il naufragio della loro imbarcazione al largo delle coste della capitale libica. Tra loro ci sarebbero anche 15 donne e cinque bambini, secondo il portavoce della marina libica, che ha riferito quanto gli hanno raccontato una ventina di superstiti di diverse nazionalità africane, soccorsi dalla guardia costiera libica a sei miglia al largo di Tripoli.

"L'imbarcazione era precaria e stava affondando"
Erano su un gommone, sovraccarico. "L'imbarcazione era precaria e stava affondando - ha detto Ashraf al-Badri, a capo della base della guardia costiera di Tripoli - siamo riusciti a salvare 23 persone e a portarle qui, ma gli altri non li abbiamo trovati".

A bordo in 120
I migranti sono stati soccorsi e accompagnati nella base, dove gli è stata data assistenza. E hanno raccontato che al momento della partenza a bordo erano almeno 120. Al momento si parla ancora di dispersi ma le autorità libiche temono che siano tutti morti.