23 giugno 2017
Aggiornato 07:00
Elezioni Germania

Germania, plebiscito per Schulz: a capo della Spd con il 100% dei voti

Un autentico plebiscito per l'ex presidente dell'Europarlamento Martin Schulz che è stato eletto all'unanimità alla guida del Partito Socialdemocratico tedesco.

BERLINO - Un autentico plebiscito per l'ex presidente dell'Europarlamento Martin Schulz che è stato eletto all'unanimità alla guida del Partito Socialdemocratico tedesco (Spd), con tutti i 605 voti dei delegati al Congresso straordinario di Berlino.

Plebiscito storico
E' la prima volta che un candidato alla guida dell'Spd ottiene un simile risultato: pur accreditato alla vigilia di oltre il 90% delle preferenze, Schulz ha battuto il record storico di 99,71% ottenuto nel 1948 da Kurt Schumacher.

Svolta a sinistra
«Vogliamo far diventare l'Spd il primo partito alle elezioni parlamentari e credo che questo sia il primo passo per conquistare la Cancelleria: diventerò Cancelliere» ha promesso il 61enne Schulz, che anche ha ribadito il suo impegno per una «svolta a sinistra» che restituisca un'identità al partito, attualmente parte di una Grosse Koalition con i cristiano-democratici di Angela Merkel.

Basi chiare con Ankara
Schulz - che i sondaggi danno attualmente testa testa con la Merkel, un risultato impensabile solo fino a pochi mesi fa - non ha però presentato le basi programmatiche per un possibile futuro governo, rimandando la questione ad un ulteriore congresso che si dovrebbe svolgere a giugno. Un punto fermo però lo ha subito voluto mettere sulla questione turca: «Il governo tedesco deve avere un atteggiamento chiaro con Ankara», ha detto Schulz. «Bisogna dire chiaramente a Erdogan che così non va».