20 febbraio 2020
Aggiornato 13:00
Obama l'aveva bloccato

Trump contro i Sioux, la protesta alla Casa Bianca degli indiani d'America per l'oleodotto della discordia

Trump ha dato il via libera al completamento del Dakota Access Pipeline, l'oleodotto di 1.200 miglia progettato per ridurre i costi di trasporto e dare ai produttori statunitensi un vantaggio per competere con il greggio proveniente dal Canada

https://adv.diariodelweb.it/video/askanews/2017/02/20170209_video_11070150.mp4

WASHINGTON - Clamorosa protesta a Washington, davanti alla Casa Bianca, di gruppi di indiani americani contro la decisione del presidente Donald Trump di dare il via libera al completamento del Dakota Access Pipeline, l'oleodotto di 1.200 miglia progettato per ridurre i costi di trasporto e dare ai produttori statunitensi un vantaggio per competere con il greggio proveniente dal Canada.

Obama aveva bloccato il progetto
Il progetto era stato duramente contestato dalle tribù indiane del North Dakota che si oppongono alla violazione dei loro territori sacri e ancestrali e per tutelare l'ambiente, in particolare le faglie idriche messe a rischio dai lavori di costruzione. Dopo mesi di proteste, l'amministrazione Obama aveva deciso di bloccare il progetto.

Il nodo "acqua potabile" e i luoghi sacri
"I miei figli fanno parte della tribù di Standing Rock ed è per loro che sono qui a combattere", spiega Linda Black Elk. "Mi batto per il loro futuro, per il loro accesso all'acqua potabile. Ma non si tratta slo di questo. Molti pensano che la lotta contro il Dakota Access Pipeline sia solo a causa dell'acqua, ma non è così. Si tratta anche di proteggere i siti sacri, la sovranità tribale, i diritti sanciti nei trattati, i nostri prodotti e cibi sacri".

Trump determinato
Il presidente Trump ha ribaltato la decisione di Obama e ha incaricato il genio militare, l'Army Corps of Engineers, di affrontare il problema. Gli esperti dell'esercito, con proverbiale tempestività ed efficacia, hanno ora completato lo studio e stanno per dare, per quanto di loro competenza, il via libera per il completamento dell'ultimo tratto dell'oleodotto.