17 febbraio 2020
Aggiornato 16:30
Nato-Russia

Nato: stop corsa ad armamenti con Mosca. Ma che dire di quelle 50 basi USA nel Pacifico?

""Continueremo a lottare per un rapporto costruttivo con Mosca", dice Jens Stoltenberg. Ma la Russia fa notare l'ipocrisia di questa affermazione

WASHINGTON - La Nato non vuole una nuova corsa agli armamenti con la Russia: lo ha precisato il segretario generale dell'Alleanza atlantica, Jens Stoltenberg, in un momento di grande tensione tra Mosca e i paesi occidentali a seguito dell'avvelenamento dell'ex spia russa Sergey Skripal e della figlia Yulia nel Regno unito. «Non vogliamo una nuova corsa agli armamenti, quindi ci concentriamo su una risposta dura e prevedibile, ma anche misurata e difensiva», ha detto Stoltenberg, rispondendo alle domande dei giornalisti al fianco del primo ministro canadese Justin Trudeau, a Ottawa. «Non vogliamo una nuova guerra fredda», ha detto Stoltenberg. «La Russia è il nostro vicino, quindi continueremo a lottare per un rapporto più costruttivo con la Russia».

Russia: e le 50 basi Usa nel Pacifico?
«Il numero delle forze Usa nella regione Asia-Pacifico supera i 400 mila uomini e conta 50 grosse basi, oltre che 200 punti militari». Questi i dati dei Servizi speciali militari russi Gru. Secondo loro alla Base aerea Andersen sulle isole Marianne nell'oceano Pacifico, si trovano 6 bombardieri americani B-52, B-1 e B-2 che «costantemente pattugliano lo spazio aereo sopra le acque dell'Oceano Pacifico». Tali dati sono stati rivelati dal vice capo di stato maggiore generale delle Forze Armate della Russia Igor Kostjukov, alla VII Conferenza internazionale sulla sicurezza a Mosca.

I bombardieri americani
Il B-52 Stratofortress è un bombardiere strategico a lungo raggio prodotto dall'azienda statunitense Boeing. Il Northrop Grumman B-2 Spirit è un bombardiere strategico transonico statunitense, in grado di trasportare sia armi convenzionali, sia nucleari. Il Rockwell B-1 Lancer è un bombardiere strategico supersonico statunitense: è l'ultimo dei bombardieri americani della Guerra Fredda. Kostjukov ha poi notato che il numero di bombardieri statunitensi nella base a volte raggiunge le 15 unità. «Allo stesso tempo, il mainstream sulla minaccia costituita dalla Corea del Nord ha permesso alla Casa Bianca di incoraggiare gli alleati ad aumentare le loro spese e acquisire nuove armi made in USA... Le azioni irresponsabili intraprese dagli Stati Uniti e dai loro alleati portano al deterioramento della situazione nella regione Asia-Pacifico, alla rottura degli equilibri di potere, all'aggravamento di numerosi problemi e provocano una corsa agli armamenti», ha detto Kostjukov.

(fonte afp)