6 dicembre 2019
Aggiornato 15:31

Cosa ha detto Gentiloni in Ghana sull'Africa, e sul futuro dell'Europa

Il premier in Ghana: «La nostra relazione non può essere solo relativa alla gestione dei migranti ma sul miglioramento dell'educazione, la creazione di lavoro, investimenti»

ACCRA - «L'Italia ha sempre operato come un ponte tra l'Europa e i suoi vicini a Sud, il Medio oriente e l'Africa, tra il Vecchio continente e il nuovo continente. Siamo pronti a lavorare con l'Africa per scrivere una nuova pagina nella storia del continente». Lo scrive il presidente del Consiglio Paolo Gentiloni in un intervento pubblicato sul quotidiano ghanese Daily Graphic. Il premier è arrivato questa sera ad Accra, terza tappa del suo viaggio nel continente. «Il futuro - scrive il premier - porta molte promesse per l'Africa e anche per il Ghana. Mentre ci sono ancora molte sfide davanti, possiamo vedere un impulso positivo per la riduzione dei rischi geopolitici, una stabilità prolungata, la crescita economica, l'espansione del commercio, il miglioramento del welfare, lo sviluppo umano e migliori condizioni di vita nel continente».

L'Italia in Europa e in Africa
«L'Italia - conclude Gentiloni - ha attivamente promosso un rinnovato approccio europeo nei confronti dell'Africa. Infatti, noi crediamo fermamente che la nostra relazione non può essere solo relativa alla gestione dei migranti ma deve invece essere basata sul miglioramento dell'educazione, la creazione di lavoro, investimenti, politiche energetiche sostenibili».