24 luglio 2019
Aggiornato 02:00
Romania

Romania, Timisoara devastata da una tempesta violenta e improvvisa: «E' stato il nostro uragano Irma»

Una violenta e improvvisa tempesta si è abbattuta sulle regioni occidentali della Romania, uccidendo almeno otto persone e causando il ferimento di altre 67 persone

TIMISOARA - Una violenta e improvvisa tempesta si è abbattuta sulle regioni occidentali della Romania, in particolare nella bellissima Timisoara, uccidendo almeno otto persone e causando il ferimento di altre 67, secondo quanto indicato dal ministero degli Interni. Gli abitanti della regione di Timisoara, vicino al confine con l’Ungheria, sono stati sorpresi dalla forza della tempesta, breve ma molto intensa, con venti fino a 150 chilometri orari (GUARDA IL VIDEO)La maggior parte delle vittime si trovava per strada ed è stata colpita da alberi sradicati, pali elettrici e cartelli pubblicitari abbattuti dalle raffiche. Il sindaco di Timisoara Nicolae Robu si è lamentato sulla rete tv privata Digi 24 di non aver ricevuto alcun avvertimento dai servizi meteorologici, che annunciavano solo pioggia. Teodora Cumpanasu, dell’amministrazione nazionale di meteorologia, ha sottolineato che la tempesta «di intensità rara» era «inattesa», così come l’insolito caldo, con temperature fino a 30 gradi.

Sembrava l'apocalisse
Una scena davvero apocalittica quella cui hanno assitito gli abitanti inermi, che si sono rifugiati in casa o nei palazzi vicini. Tetti letteralmente portati via, palazzi moderni sventrati, interi quartieri devastati. Questo è successo ieri pomeriggio e già questa mattina la situazione nella città era tornata quasi alla normalità, a parte l'assenza di corrente elettrica. Gli abitanti si sono riversati in strada con scope e palette per ripulirla, senza nemmeno aspettare l'intervento dei Vigili del Fuoco, pur tempestivo. 

«E' stato il nostro uragano Irma»
«E' stato il nostro uragano Irma»: lo dicono tutti e ce lo racconta anche una testimone che abbiamo raggiunto al telefono: sua figlia vive in Italia e non riusciva più a mettersi in contatto con la madre perché tutte le comunicazioni sono state interrotte per ore. Ormai l'hanno ribattezzato così i rumeni: "L'uragano Irma di Timisoara». La notizia in Italia è arrivata solo pochi minuti fa ma l'evento è stato catastrofico, sia per intensità che per eccezionalità. A due passi da noi. "Una cosa tremenda, spaventosa" ci racconta questa donna. "Sembrava l'apocalisse: prima il cielo si è scurito improvvisamente, poi un boato terribile, come quello di una bomba potentissima, abbiamo pensato tutti a un attacco, poi il vento che ha iniziato a spazzare via tutto. Un incubo... Io mi sono chiusa in casa, ho abbassato le serrande e mi sono infilata nel letto, sperando che passasse in fretta». Ma i rumeni non si sono lasciati piegare dall'uragano: "Questa mattina eravamo tutti in strada a ripulire i marciapiedi, a rimettere in ordine la nostra bellissima città".